Hypnos – The Mountain

Ottimo singolo per gli Hypnos con due brani di hard Rock settantiano che fanno ben sperare per in prospettiva.

Hypnos – The Mountain

Questo singolo di debutto dei rockers svedesi Hypnos, per Crusher Records, è una ventata di rock seventies fatta di due brani (la tilte-track e Viper) devoti alle band che, negli anni settanta, spopolarono continuando a mietere vittime anche ai giorni nostri e influenzando un numero imprecisato di musicisti in tutto il mondo.

Due brani che sono un tuffo nell’essenza del rock settantiano, e poco importa che il tutto arrivi dal vecchio continente (Judas Priest, Thin Lizzy) o dal nuovo mondo (Kiss), l’importante e’ rockare come il Dio del rock comanda e, sotto questo aspetto, gli Hypnos spaccano che è un piacere.
Philip Lindgren, vocalist dalle tonalitĂ  vicine al giovane Halford, la coppia d’asce Oskar Karlsson e Fredrick Backstrom, autori di riff che dal rock’n’roll prendono l’insana propensione a far male, e la sezione ritmica composta da Anton Frick Kallmin al basso e Lasse Ekelof alle pelli, sono l’innesco della combustione letale di esplosiva grinta nonchĂ© artigiani di un sound che non può che scatenare nostalgiche vibrazioni in chi, di questa musica, si è nutrito e continua a cercare per il mondo realtĂ  che si dedicano anima e corpo a queste sonoritĂ .
Dategli un ascolto, in attesa di un probabile grande debutto sulla lunga distanza: gli Hypnos hanno tutte le carte in regola per stupirci ancora.

Tracklist:
1.The mountain
2.Viper

Line-up:
Philip Lindgren – Vocals
Oscar Karlsson – guitars
Fredrick Backstrom – Guitars
Anton Frick Kallmin – Bass
Lasse Ekelof – Drums

HYPNOS – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

ZAKO – I

Durante una trasferta in Toscana per motivi familiari, per chi vi scrive si è presentata una splendida opportunitĂ : quella di vedere in azione, per la prima volta dal vivo, i leggendari Fuzztones in concerto a un’oretta d’auto di distanza da dove (temporaneamente) alloggiava. Colto l’attimo,

THEE HEADCOATS – IRREGULARIS (THE GREAT HIATUS)

Neanche il tempo di recensire l’album-raccolta “Failure not success” (pubblicato col moniker Wild Billy Childish & CTMF) che arriva subito un altro Lp, nel 2023, firmato dallo stacanovista inglese Billy Childish, poliedrico menestrello di culto, che per questa release ha riesumato gli Headcoats, che tornano

I miserabili di Ladj Ly

I miserabili di Ladj Ly

Dedicato a chi è d’accordo con la frase di Hugo che chiude la pellicola: “Amici miei, tenete a mente questo: non ci sono né cattive erbe né uomini cattivi. Ci sono solo cattivi coltivatori”.