iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Hulduefni / I Am Esper / Paleozoic / Satanath – Aliens Vs Dinosaurs

Nel complesso l’uscita non può che essere rivolta ad un pubblico selezionato, il quale troverà comunque più di uno spunto interessante.

Hulduefni / I Am Esper / Paleozoic / Satanath – Aliens Vs Dinosaurs

Split piuttosto particolare, questo offerto dalla Symbol Of Domination, visto che qui troviamo ben quattro progetti dediti all’ambient distribuiti su due cd.

Ad aumentare la particolarità del lavoro va aggiunto la diversa provenienza geografica dei quattro protagonisti: Portogallo (Hulduefni), USA (I Am Esper), Bielorussia (Paleozoic) e Russia (Satanath).
I due cd suddividono i potenziali alieni dai dinosauri: alla prima categoria apprtengono quindi Hulduefni e I Am Esper, i quali, in ossequio alla catalogazione, sono dediti ad una forma di ambient dalla spiccata componente cosmica, anche se il musicista lusitano la interpreta in una maniera molto più dissonante rispetto a quanto faccia invece il suo corrispettivo statunitense, che propone una variante meno ostica (sulla scia di Apollo di Eno, per intenderci) fatto salvo per i rumorismi assortiti della traccia conclusiva.
Il secondo cd è complessivamente meno agevole da ascoltar, anche se Paleozoic mantiene una certa aura spaziale, pur rivelandosi ugualmente disturbante, ma il vero stacco rispetto al contenuto dello split arriva con Satanath, il cui approccio sperimenrale viene spinto fino ai limiti.
Qui l’ascolto diviene oggetivamente complesso anche per orecchie ben allenate e se, da una parte, va apprezato il musicista russo per l’indole ed il coraggio, dall’altra la sua proposta è davvero rivolta ad un manipolo di amanti della ricerca musicale e dell’improvvisazione.
Nel complesso l’uscita non può che essere rivolta ad un pubblico selezionato, il quale troverà comunque più di uno spunto interessante anche se, personalemente, prediligo l’ambient di matrice maggiormente atmosferica (ben rappresentata da I Am Esper in Cosmic Dreams e Cosmic Death I) in grado di fungere da ideale sottofondo allo scorrere della vita quotidiana, come farebbe presupporre il genere per sua definizione.

Tracklist
Cd 1
1.Hulduefni – Alien: The Beginning
2.Hulduefni – Parallel Dimensions
3.Hulduefni – Greys Walking Through The Hangar
4.Hulduefni – Intergalactic Space
5.i AM esper – Cosmic Dreams
6.i AM esper – Cosmic Death I 1
7.i AM esper – Cosmic Death II

Cd 2
8.Paleozoic – Profound
9.Paleozoic – Live Clots
10.Paleozoic – More Plowed Fields
11.Paleozoic – Immobility, Indifference And Toughness
12.Satanath – Kolaptos
13.Satanath – Upapt Norri
14.Satanath – Satnagor
15.Satanath – Sartunam
16.Satanath – Um Moktud
17.Satanath – Darrlao
18.Satanath – Sotekius

HULDUEFNI – Facebook

I AM ESPER – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Noctu – Super Illius Specula

Super Illius Specula è probabilmente il punto più alto raggiunto finora da un musicista come Noctu, in grado di offrire oggi un doom estremo tra i più avvincenti e, allo stesso tempo, meno scontati in ambito nazionale.

Angmodnes – Rot of the Soul

Rot of the Soul è un album che conferma le qualità mostrate negli ultimi anni da parte degli Angmodnes, trattandosi di un lavoro di grande consistenza e molto curato nella sua resa sonora nonché un’esibizione di spiccata creatività compositiva, sintomatica del desiderio da parte della band olandese di non appiattire il proprio sound sulle posizioni già acquisite.

Post Luctum – Seasons Greavings

Se dal punto di vista musicale l’ep risulta davvero efficace e vario, avvicinandosi in certi frangenti ai mai abbastanza lodati Daylight Dies, fondamentalmente appare più ritmato e incalzante rispetto ai quanto offerto dai Post Luctum nei due ottimi full length realizzati in precedenza.