iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Hope Against Hope – Were Not So Blind

Hope Against Hope - Were Not So Blind: Da Roma arrivano gli Hope Against Hope, formazione hc new-school, pronti a far partire il mosh più violento. Nella no...

Hope Against Hope – Were Not So Blind

Da Roma arrivano gli Hope Against Hope, formazione hc new-school, pronti a far partire il mosh più violento.

Nella nostra amata capitale la scena hc è da sempre presente e per testimoniare, ancora una volta, la sua esistenza dà vita a una nuova band.
Gli HAH hanno tra i propri riferimenti sia la scena newyorkese, sia quella della violenta Boston, anche se le aperture a sfuriate puramente grindcore non mancano.
Date queste informazioni si può già capire come andrà a finire la situazione…
Un buon cantato energico insieme a chitarre e basso, potenti e puliti, accompagnati da un drumming furioso, creano un vortice che si schianta nella faccia di chiunque li ascolti; pur non proponendo niente di nuovo riescono a farsi apprezzare dagli amanti del genere, anche se una maggiore personalizzazione a livello globale sarebbe gradita per non cadere nella retorica del genere (spesso presente nei gruppi hc), ribadendo comunque il buon risultato dell’ep.
Buon ascolto.

Tracklist:
1. Old Faith New Life
2. Moment Of Truth
3. Never Compromise
4. Against

Line-up:
Lorenzo “SKA” Scaramella – Voce
Lorenzo “Nello” Tozzi – Basso
Matteo “Mastrength” Mastrelli – Chitarra
Francesco “OIO” Catarinella – Batteria

Hope Against Hope-Were Not So Blind

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

The Barbacans – Mai Sepolti

L’operazione, retaggio di ciò che facevano i nostri gruppi beat nei magnifici anni sessanta, riesce alla perfezione e le interpretazioni fornite dal gruppo non sfigurano di certo al cospetto degli originali.

Lesní Zv?? – Movable Feasts

I Lesní Zvěř sono un interessante miscuglio di sonorità: infatti, partendo da una solida base nu-jazz, si trovano elementi di elettronica, drum’n’bass, psichedelia e anche di un certo pop molto raffinato.

Secret Colours – Peach

I Secret Colours con Peach riescono a dare un’ottima prova delle loro capacità, sfornando un album che piacerà tanto agli appassionati del genere e riuscirà a conquistare anche i profani in materia.