Happy Skeleton – Whole Damn System

Happy Skeleton – Whole Damn System

Ogni tanto succede qualcosa che scuote le nostre vite, o che addirittura le cambia totalmente. Magari è il vedere in faccia la morte, o soltanto una frase detta da una persona che ti ronza in fronte. E allora pensi : ma che cazzo ci sto a fare al mondo ?

Nel caso del barese Happy Skeleton la causa scatenante è stato un incidente automobilistico : la macchina si ribalta, tu ti salvi e ti metti a suonare una musica tutta tua, senza maestri, senza appoggi, solo te stesso e quella morte che ti sei lasciato alle spalle.
Dopo pochi mesi Davide Delmonte aka Happy Skeleton, aveva undici brani in saccoccia ed un contratto con la Red Birds Records che gli pubblicò il suo primo cd “Coffee & Cigarette Club”.
Passano cinque anni, nei quali molto si interrogano sul suo ritorno ed eccoci alla sua seconda opera. La sua musica è un misto di indie rock ed attitudine punk gotica alla Cure, un melanconia strana e sottile, eppure dolcissima.
Quando lo ascolti sei avvolto da uno straniamento che ti fa chiudere nelle spalle, ti fa riflettere e poi alla fine sorridere, il tutto è molto intimo ma non pseudo esistenzialista.
In pratica ascoltare Happy Skeleton è come sentire un amico che ti racconta i fatti suoi e i suoi svarioni, cose divertenti e ridiamo mentre fumiamo.
Leggerezza e difficoltà legate assieme, come nella vita normale.
Sarebbe fin troppo facile definirlo cantautore punk, ma l’attitudine e l’urgenza nel dire è quella.
Whole Damn System ha tante cose da dire, le vuole dire in fretta ed in profondità e ci riesce benissimo.
Disco autoprodotto e autopromosso, eliminando le barriere fra cantante e pubblico.

Tracklist
1. Goalkeeper
2. Psychic Rage Pot
3. Driver’s Karma
4. Mary
5. Time
6. Say To Me
7. Good
8. Sally
9. Far Away
10. All Right
11. Enough
12. Mindfucking
13. See
14. Busines
15. Will
16. Blue Morphine

HAPPY SKELETON – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati