iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Hamferð – Men Guðs hond er sterk

Il sound della band di Tórshavn è talmente peculiare da sfuggire ad ogni tentativo di sommaria classificazione: il tutto avviene senza il ricorso a chissà quali soluzioni cervellotiche in quanto gli Hamferð mettono il loro smisurato talento al servizio di un lirismo che, oggi, è appannaggio solo di pochi eletti.

Hamferð – Men Guðs hond er sterk

Gli Hamferð non appartengono alla categoria delle band più prolifiche se è vero che questo ultimo Men Guðs hond er sterk è solo il terzo full length in circa quindici anni di attività, ma ciò conta davvero poco di fronte all’elevata qualità offerta in ogni singola circostanza.

Lo sfolgorante esordio su lunga distanza Evst (2013) aveva portato alla luce una realtà fenomenale nonché unica nel suo genere, per la provenienza geografica, la lingua utilizzata e la presenza dietro il microfono di un fuoriclasse come Jón Aldará, mentre Támsins likam (2018) aveva consolidato la posizione della band faroense ma forse non si trattava del capolavoro che tutti si sarebbero attesi, così sono stati necessari altri sei anni per ascoltare quella che se non è l’opera definitiva degli Hamferð c’è davvero molto vicina.

Se appare superfluo rimarcare quanto l’alternanza tra il growl e la stentorea voce pulita di Aldará sia l’aspetto più identificativo della band, ciò che colpisce in questo nuovo lavoro è la fluidità con cui si passa da aspre partiture death ad aperture melodiche ed epiche sempre condotte dall’ineguagliabile ugola del vocalist.

Rispetto ai lavori precedenti si nota complessivamente una maggiore propensione a brani dai tratti più intimisti, specialità in cui gli Hamferð attuali paiono dare il meglio anche se l’accoppiata iniziale Ábær / Rikin regala dieci minuti abbondanti di death doom melodico comunque inarrivabile per la maggior parte delle band di settore; però la malinconica ed evocativa limpidezza raggiunta in due canzoni come Glæman e Fendreygar sposta il tutto su un piano emotivo e comunicativo di un livello che gli isolani avevano toccato in precedenza con la superba versione acustica di Deyðir varðar, abbinata al maestoso video girato durante l’eclissi solare del 2015.

Il sound della band di Tórshavn è talmente peculiare da sfuggire ad ogni tentativo di sommaria classificazione: il tutto avviene senza il ricorso a chissà quali soluzioni cervellotiche in quanto gli Hamferð mettono il loro smisurato talento al servizio di un lirismo che, oggi, è appannaggio solo di pochi eletti.

2024 – Metal Blade Records

Hamferð

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.