iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Golden Shower – Gasolio 7 Pollici

Il risultato finale è quello di un dischetto che va giù come una birra gelata in una giornata di fine estate

Golden Shower – Gasolio 7 Pollici

Torna a farsi sentire,a due anni di distanza dal suo ultimo album, questa band di toscani scriteriati e pornofili.

Come già ampiamente dimostrato dagli albori della loro carriera i Golden Shower si distinguono (positivamente) per due peculiarità: l’attitudine e l’eclettismo.
Queste caratteristiche emergono con forza anche nelle quattro canzoni che compongono questo loro nuovo e ottimo singolo.
Sul lato A trovano posto il veloce blues’n’roll di I’m free che potrebbe riunire in un ballo scatenato una platea mista di punks e rednecks, ed il glam alla Mott the -Hoople di Candy moon.
Sul lato B invece si possono ascoltare l’aussie rock molto old school di Little sister che a me ricorda molto i New Christs di Rob Younger ed il garage-punk suonato con attitudine soul alla Mc5 di Slave.
Come spero di aver fatto capire la band propone egregiamente quattro pezzi piuttosto differenti fra di loro dimostrando di poter disinvoltamente proporre un suono assai variegato frutto di influenze a tratti persino piuttosto lontane fra loro.
Il risultato finale è quello di un dischetto che va giù come una birra gelata in una giornata di fine estate e, come si sa, durante la stagione estiva le birre non bastano mai e spesso ubriacano senza che neppure ci se ne accorga.
Lo stesso vale per questi pezzi che ti entrano sotto pelle e che mettono la voglia di essere riascoltati più e più volte.

Line-up:
Jessie – Guitar/Vox
Jebediah – Guitar/Vox
Joseph – Bass
James – Drums/Vox

GOLDEN SHOWER – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

The Loons - Memories Have Faces

The Loons – Memories Have Faces

Troppa grazia, Sant’Antonio! Eh già! Per un devoto cultore dei suoni sixties oriented, avere la fortuna, nel giro di pochi giorni, di poter parlare di un nuovo singolo e di un nuovo intero album di sua maestà Mike Stax è davvero una benevolenza tanto inaspettata,