Gli Shakers – Tu Cosa Fai, Non Balli?

Bravi ma inconsistenti, non fanno proprio per un grebano come me

Gli Shakers – Tu Cosa Fai, Non Balli?

Visti in fotografia gli Shakers sono veramente stilosi vestiti tutti allo stesso modo come i miei amatissimi (International) Noise Conspiracy e questo a me amante dei piccoli grandi particolari ha subito colpito positivamente.

Forse √® proprio per questa mia prima positiva impressione che ho nutrito per loro grandi aspettative. Aspettative che ahim√® sono state quasi del tutto disattese all’ascolto di questo loro album. Prendiamo ad esempio il brano d’apertura Zombie Boyfriend, parte come un pezzo garage-punk di grande impatto e tutto andrebbe a meraviglia finch√© non entra in scena la voce; sia chiaro non che il cantato sia cos√¨ terribile, anzi √® piuttosto ben impostato, solo che a mio parere non c’entra nulla con il suono della band, √® piatto e pulito e sembra assai pi√Ļ adatto ad un gruppo commerciale come i Subsonica che per un gruppo rock’n’roll. Sar√† che la mia passione sono gruppi come Cramps e Mummies ma una voce cos√¨ non mi convincer√† mai. Discorso analogo si potrebbe fare per Quanta Splendida Follia che inizia alla grande per poi essere penalizzata anch’essa dal solito non trascurabile dettaglio sopracitato. La scelta di coverizzare un brano gi√† di per s√© molto bello come Lamette di Donatella Rettore oltre ad apparire un po’ ruffiana finisce per ritorcersi contro al gruppo in quanto la versione fornita si rivela parecchio inferiore all’originale. Gli altri pezzi invece fluttuano tutti in una mediocrit√† desolante senza fornire nessun elemento di spicco. Anche i testi che vorrebbero apparire divertenti mi suonano piatti e banali. Sinceramente penso che questo mio giudizio negativo impensierir√† assai poco gli Shakers cui auguro tutte le fortune di questo mondo, certo che il loro approccio cos√¨ easy possa procurargli non pochi apprezzamenti ed occasioni per esibirsi dal vivo, ma questo disco non fa proprio per me. Come diceva il mio adorato Lester Bangs . Che poi in quanto a scrivere lui valesse me quanto Perin valga Puggioni come portiere, beh questo √® tutto un altro discorso.

TRACKLIST
1) Zombie Boyfriend / 2) Chi Credete Che Siamo? / 3) Me Ne Vado A Kathamandu / 5) Come Bonny & Clyde / 6) Gira Ancora / 7) Filicudi Surf / 8) Solo Chi Ama Sopravvive / 9)Lamette / 10) Quanta Splendida Follia / 11) Un Posto Che Non C’√®

LINE-UP
Matteo Rubino – Voce / Maury Lee – Tastiere / Raffaello Migliarini – Batteria / Michele Di Leo – Chitarra / Luca Ulvini – Basso

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

LES LULLIES – MAUVAISE FOI

A cinque anni dal fragoroso album di debutto omonimo (un ruspante affresco di dieci episodi di veloce garage punk senza fronzoli) i francesi Lullies tornano sulle scene con un nuovo disco, “Mauvaise Foi” (Bad Faith) uscito, a fine maggio, sempre su Slovenly Rercordings.Il secondo Lp

Banchetto cuore delle bands

Oggi vi voglio parlare di una argomento che a me sta particolarmente a cuore facendo parte di quelli che la musica anche la fanno ( ci proviamo se non altro) .

Alberica Sveva Simeone – The wormcave

Primo romanzo della scrittrice romana Alberica Sveva Simeone per le edizioni Plutonia Publications dello scrittore e ottimo divulgatore del fantastico con il suo podcast Plutonia Publications.