Giuliano Clerico – La Diva Del Cinemino

Giuliano Clerico – La Diva Del Cinemino

Con già due album alle spalle ("Percorsi Paralleli" e "Il Costruttore Di Meccaniche Sognanti"), Giuliano Clerico ritorna sotto le luci della ribalta con il suo nuovo disco, La Diva Del Cinemino. Il lavoro, rimanendo ben saldo su coordinate folk/rock'n'roll, si compone di dieci piacevoli brani.

Barbara, aprendo il disco fra ritmi vivaci e note delicate, lascia spazio alla voce lievemente ruvida e svogliata della sudata Alla Bonnie E Clyde e al cantato leggermente urlato (a venire in mente è Rino Gaetano) della più pesante Il Prodotto.
Concubina, continuando sulla stessa linea d’onda (anche qui è un senso di pesantezza ad avere il sopravvento), prende forma a partire da pianoforte e chitarra (a cui, in un secondo momento, si aggiungono tromba e trombone) mentre La Strada, riducendo il minutaggio e scorrendo rapida su melodie reiterate, apre all’accattivante e ammiccante La Valeriana (molto riusciti i ritornelli) e al sound frizzante de Lo Zio Beato.
Via Col Diavolo, infine, leggermente più cupa e malinconica, introduce agli iniziali spigoli sonori (non sempre in grado di far presa al primo ascolto) di Stabile 44 e allo stralunato concludere di Zona Industriale.

Giuliano Clerico con il suo La Diva Del Cinemino propone una decina di canzoni che, esclusi alcuni momenti meno convincenti (Il Prodotto, Concubina, La Strada), viaggiano ben salde e sicure sopra la linea della sufficienza. Un album suonato con passione che si lascia ascoltare senza grosse difficoltà.

Tracklist:
01. Barbara
02. Alla Bonnie E Clyde
03. Il Prodotto
04. Concubina
05. La Strada
06. La Valeriana
07. Lo Zio Beato
08. Via Col Diavolo
09. Stabile 44
10. Zona Industriale

Line-up:
Giuliano Clerico
Luca Marinacci
Alex Secone
Claudio Bollini

Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.