Gala Drop / Ben Chasny – Broda

Gala Drop / Ben Chasny – Broda

Quella che viene fuori dalle jam sessions registrate a Lisbona, è una musica elaborata e mentale, quasi panteistica, che chiama all'incontro tra le varie culture e all'empatia

I Gala Drop sono un gruppo portoghese con base a Lisbona di musica psichedelica/world, sono attivi dal 2009, dal momento in cui hanno pubblicato il loro album d’esordio omonimo e in seguito un EP.

Il nucleo centrale della band è formato dalla batteria di Alfonso Simões, la chitarra elettrica di Guillherme Gonçalves e dai synth di Nelson Gomes, a cui si aggiungono l’ottimo bassista Rui Damaso e il grande giramondo Jerry The Cat alle congas (questo ha una storia da raccontare, tra Funkadelic, Parliament e avventure nell’elettronica con Carl Craig, Moodymann e Theo Parrish). Simoes e Damaso si occupano anche dell’elettronica, Jerry si occupa anche di synth e altre percussioni.
Per la registrazione di Broda si è aggiunto Ben Chasny dei Six Organs Of Admittance, uno che si dice sia tra i migliori chitarristi in circolazione, il quale pare sia rimasto affascinato dalla musica e dallo spirito dei Gala Drop e sia dunque entrato in ballo per formare un super gruppo.

Ci sono dunque tutte le premesse per un’ottima collaborazione, e quella che viene fuori dalle jam sessions registrate a Lisbona, è una musica elaborata e mentale, quasi panteistica, che chiama all’incontro tra le varie culture e all’empatia; è psichedelica, visionaria, tribale, esotica ed esoterica.
In particolare è l’estro e la bravura del chitarrista californiano a dare connotati più psichedelici alla musica world dei portoghesi, fornendole quello step necessario per elevarla di livello. Ma c’è anche una certa conoscenza e cultura in campo di musica elettronica (probabilmente fornita da Jerry), con influenze riscontrabili nelle ritmiche e nelle rifiniture dei brani, ad arricchire il tribalismo ipnotico delle percussioni, sulle quali ricamano synth e chitarre.
Tre brani molto lunghi, a formare un unico e ininterrotto flusso musicale, caratterizzato dalla circolarità e dalla ripetizione (che non sconfina mai nella monotonia, sia ben chiaro!), da un inizio più meditativo in progressione verso un finale più estatico.

Positano inizia con una lunga intro d’ambiente, che crea un’atmosfera onirica, ed entra nel vivo verso il settimo minuto facendosi più movimentata nella seconda parte, con un giro di chitarra dal sapore esotico e le congas come elemento dominante.
Segue la title-track Broda, dove tutti questi elementi sono fusi insieme in un crescendo che sfocia nel finale in un assolo di chitarra che riporta indietro di mezzo secolo buono…
Con Brain il maxi-sestetto spara le sue ultime cartucce per questo EP, tirando fuori il pezzo complessivamente più psichedelico e anche più elettronico, tra sfuriate elettriche e dilatazioni ritmiche visionarie.

Ci saranno altre collaborazioni su quest’asse? Chissà se Ben Chasny continuerà a dare il suo apporto agli amici portoghesi? Dopo questo brunch musicale a base di Gala Drop, io mi auguro vivamente di poter assaggiare e degustare presto altri piatti forti world-psichedelici preparati da questi ottimi musicisti.

Tracklist:
A – Positano
B1 – Broda
B2 – Brain

Line-up:
Afonso Simões – drums and sampler
Guilherme Gonçalves – electric guitar
Jerry the Cat – percussion and synthesizer
Nelson Gomes – synthesizers
Rui Dâmaso – bass and electronics
Ben Chasny – electric guitar

GALA DROP – Facebook


Altri recapiti:

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The Cogs – White Boy, White Girl

The Cogs – White Boy, White Girl: son dischi come questo che mi fanno ancora credere che qualcosa si può fare, che non tutto è finito: finché in giro ci saranno persone come i Cogs non ci si può sentire soli, isolati, incompresi; è davvero impossibile.

Intolerant - Zero Point - Extreme Chaos Records\Despise The Humans-2022

Intolerant – Zero Point

Intolerant Zero Point: Il risultato è un disco di una potenza e di una nera bellezza incredibile, una guerra combattuta schiacciando ossa e vite con macchine gigantesche guidate da negromanti che mangiano lsd e respirano fumi radioattivi.

“Non c’è ritorno” di Jim Shepard, edito da 66THAND2ND

Non c’è ritorno di Jim Shepard

Nell’introduzione a questi racconti, ha scritto: “Imparare a perdere una partita, dopotutto, non è un modo sbagliato per iniziare a imparare come perdere qualcosa di più grave. Non c’è ritorno di Jim Shepard

Brian Jonestown Massacre, nel 2023 il nuovo album: ecco i dettagli

Anton Newcombe ha annunciato di avere in programma un nuovo album per la sua creatura neopsichedelica Brian Jonestown Massacre. Il long playing si intitola “The future is your past” e vedrà la luce il 10 febbraio del prossimo anno su A Recordings, etichetta fondata dallo