iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Fragments Of Unbecoming – The Art Of Coming Apart

Il sound, devoto a un death metal melodico di matrice svedese, non sembra volersi svincolare dalle pesanti influenze dei maestri del genere, aspetto che ha fortemente condizionato la valutazione dei precedenti lavori.

Fragments Of Unbecoming – The Art Of Coming Apart

I Fragments Of Unbecoming giungono, dopo alterne fortune, al loro quarto full-length nel corso di un decennio di attività; il sound, devoto a un death metal melodico di matrice svedese, non sembra volersi svincolare dalle pesanti influenze dei maestri del genere, aspetto che ha fortemente condizionato la valutazione dei precedenti lavori.

Direi che The Art Of Coming Apart non sposta di una virgola la rotta intrapresa dalla band tedesca: infatti, non c’è dubbio che i nostri possiedano tutte le carte in regola dal punto di vista tecnico per poter fornire agli ascoltatori un prodotto ben confezionato e sicuramente degno d’essere preso in considerazione ma, anche se a tutto ciò si aggiunge il prezioso supporto del ben noto Dan Swano, alla fine non emerge alcun elemento che possa consentire all’album di spiccare tra le altre uscite dello stesso tenore.
E’ probabile che, da parte dei Fragments Of Unbecoming, il fatto di aderire in maniera fedele ai canoni stilistici del genere sia dettato una scelta precisa e non sia imputabile esclusivamente a una carenza di creatività; resta il fatto che questo lavoro, pur se ineccepibile dal punto di vista formale, non riesce davvero a lasciare il segno anche dopo ripetuti ascolti.
Consigliato esclusivamente ai fans di Dark Tranquillity e relativa progenie.

Tracklist :
01. The Art Of Coming Apart
02. Barren And Bleak
03. Four Winters
04. Hours Of Suffering
05. Memorial Stone
06. A Silence Dressed In Black
07. Sundown
08. Trapping The Unseen
09. Seasons Of Tranquillity
10. Fathomless

Line-up :
Ingo Maier – Drums
Sascha Ehrich – Guitars
Stefan Weimar – Guitars
Sam Anetzberger – Vocals
Christopher Körtgen – Bass

 

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.