Foxygen – Hang

Foxygen – Hang

Bravi ma troppo pomposi, certo è il loro obbiettivo ma a me dopo un po' stufano...

Il motivo per il quale questa fanzine (ora webzine) mi ha ingaggiato, con un lauto quanto doveroso e oneroso contratto, nell’ormai lontano 1999 era quello di farmi parlare di cose grebane e vista la mia grebanitudine (piaciuto il neologismo?) penso che fosse cosa buona e giusta.

E’ per questo motivo che mi trovo un po’ in difficoltà nel parlare di questo duo californiano; già sono belli e cool di loro inoltre il loro suono è molto, forse troppo, pulito per le mie orecchie ormai straziate da anni di suoni urticanti. Forse qualcun’altro sarebbe stato più adatto per parlarne ma visto che l’incaricato sono io proverò a parlarne con il massimo dell’ obiettività. Cominciano ascoltando il brano che apre questo disco, Follow The Leader, il pezzo supportato da un accompagnamento orchestrale maestoso ricorda gli Shins o i Beach Boys di Pet Sounds.

Proseguendo si fanno notare il curioso mix di pop e vaudeville di Avalon, gli Stones più pomposi di Mrs.Adams, i richiami a Randy Newman di On Lankershim per chiudere con la suite tipicamente spectoriana di Trauma. Sia ben chiaro amo tutti gli artisti ai quali ho fatto riferimento ma resta il fatto che questo disco mi convince solo a metà, sono certo che non sarà uno dei miei ascolti più assidui nei mesi a venire.

Ripeto forse sono io a non capire questo tipo di approccio alla musica, insomma un disco buono ma che mi stufa dopo pochi ascolti.

TRACKLIST
1) Follow The leader
2) Avalon
3) Mrs.Adams
4) America
5) Oh Lankershim
6) Up On A Hill
7) Trauma
8) Rise Up
LINE-UP
Sam France , Jonathan Rado

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.