Four By Art – Inner Sounds

Invecchiando i leoni restano leoni

Four By Art – Inner Sounds

Ci sono dischi che non sono mai nella loro custodia ed il perché, nel mio caso, è presto spiegato, restano infatti nella sacca di quelle cose che un dj sfigato e di provincia come me mette nelle sue serate.

Uno di questi è la splendida raccolta dell’intera discografia di una fra le prime e più apprezzate mod band italiane gli imprescindibili Four By Art, un disco che, guarda caso, usciva per i nostri fratelli di Area Pirata (se può interessarvi il pezzo che metto sempre è Just Feelin’ Alright, ascoltatela e capirete il perché). Potrete quindi immaginare quale sia stata la mia reazione aprendo il pacchetto recapitatomi dai succitati amici pisani e contenente il nuovo lp di questa da me amatissima formazione.

Purtroppo due dei membri originari della band hanno troppo prematuramente abbandonato questa valle di lacrime e l’unico fondatore a continuare a far parte del gruppo è il bassista Filippo Boniello che, nonostante le gravi e dolorose perdite, ha deciso di circondarsi di nuovi musicisti e di dare un seguito a questa bellissima storia.

Il risultato lo si trova nei tredici brani di questo Inner Sounds un album recentissimo che conferma come quando ci sono le idee poco contano gli anni che si hanno o il tempo che passa.

L’inizio è di quelli che si fanno ricordare con due brani come Alive, un pezzo molto british che mescola il pop con un tocco leggero e delicato di psychedelia alla maniera degli Stone Roses e la garagistica davvero molto bella e incisiva I Ask You. Ma proseguendo certo non mancano altre canzoni da ricordare come la cover dei New Trolls Allora Mi Ricordo che la band trasforma in un pezzo danzereccio alla Charlatans, un altro salto nel garage-punk (con tanto di ammaliante armonica)lo si fa con Living For Today, mentre The Loop è uno stimolante connubio di rock e dance alla Primal Scream, chiude il tutto la lunga Say Somethnig che comincia come una suite psychedelica eterea e sognante per poi lambire inusitati territori soul accompagnata com’è dai fiati e da una deliziosa voce femminile.

Bello davvero questo ritorno dei Four By Art, vario ed ispirato ad ulteriore dimostrazione che il detto “la classe non è acqua” sarà forse abusato ma in molti casi si dimostra terribilmente efficace.

TRACKLIST
1) Alive
2) I Ask You
3) I’m Burning
4) Allore Mi Ricordo
5) At Your Door
6) I Sadly Understand
7) Home
8) Living For Today
9) Sorry 1
10) The Loop
11) Take Your Time
12) Sea Side Superstar
13) Say Something

LINE-UP
Filippo Boniello – Vocals, Bass, Guitars, Harp, Clavinet
Storteaux – Lead Guitar
Stefano Cecchi – Drums

www.fourbyart.com

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
1 Comment
  • Bob Accio
    Posted at 12:07h, 12 Settembre Rispondi

    Eccitante scoperta!

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

“Riflessioni sulla pena di morte” di Albert Camus, edito da SE

Riflessioni sulla pena di morte di Albert Camus

“Réflexions sur la guillotine” è un saggio del ’57 di Camus che appare prima sulla “Nouvelle Revue Francaise” e poi nel libro “Réflexions sur la peine capitale”

Alexander Gonzalez Delgado

Gonzalez Delgado (o più semplicemente Sasha), nonostante l’avversione di Zuckerberg per il corpo nudo e i capezzoli femminili in primis.

The Rellies - Monkey / Helicopter 7"

The Rellies – Monkey / Helicopter 7″

The Rellies : adoro questo gruppo di fanciulli, suonano semplice e sghembo come piace a me e, a quanto pare, non sono l’unico giacché questo singolo viene licenziato da un’etichetta stravirtuosa come la Damaged Gods.