iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

Nel 2021 John McGovern, vocalist e fondatore degli ottimi Chalice of Suffering, aveva partecipato a due progetti alquanto interessanti nonché contigui, non solo stilisticamente in quanto entrambi in conformazione di duo, come i Solemn Echoes con Fabio De Paula, mente dei maestri del funeral sudamericano HellLight, e i Forever Falling assieme al meno noto Tullio Carleo; se con i primi il sound era all’insegna di un death doom melodico non troppo lontano per sensazioni dalla band del musicista brasiliano, con i secondi veniva esplorato un versante prossimo al funeral, seppure anch’esso nelle sue vesti più atmosferiche.

A circa due annni e mezzo di distanza dall’ottimo Suspended over the Immanent, il moniker Forever Falling torna a far parlare di sé con un nuovo full length, The Determinism of Essence in Matter, se possibile ancora migliore rispetto al già valido esordio. Carleo si conferma compositore di grade sensibilità, in grado di maneggiare con competenza la materia attraverso un lavoro chitarristico magari meno raffinato rispetto a quello di De Paula, ma altrettanto efficace nell’evocare sentimenti di dolorosa e lacerante malinconia, ben amplificati dal growl e dal recitato del sempre bravo John Suffering (nickname utilizzato per l’occasione dal vocalist di Minneapolis, facente riferimento alla propria band).

L’opera si estende per oltre cinquanta minuti di un funeral/death doom che non lascia spazio a digressioni stilistiche, focalizzato com’è nel rappresentare l’ineluttabile sconforto e la cappa di dolore che avvolge quotidianamente ciascuno di noi, in maniera consapevole o meno; il trittico centrale composto da canzoni come The Touch of Ice, September Song e, soprattutto, The Wind of Remembrance, si rivela oggettivamente irresistibile nel suo far emergere senza soluzione di continuità passaggi luttuosi e, allo stesso tempo, magnificamente melodici, conducendo a un risultato coincidente con le aspettative di qualsiasi appassionato di queste sonorità.

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie all’approccio sincero, fluido e privo di artifici da parte del duo italo/statunitense a uno stile musicale sempre in grado di emozionare come pochi altri.

2024 – My Kingdom Music

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.