Drowning Pool – Hellelujah

Drowning Pool – Hellelujah

Drowning Pool - Hellelujah: L'era del nu metal è finita da un po’ e le band sopravvissute a quello tsunami musicale arrivato a cavallo del nuovo mil...

L’era del nu metal è finita da un po’ e le band sopravvissute a quello tsunami musicale arrivato a cavallo del nuovo millennio faticano a trovare consensi, surclassate nelle preferenze dei fans e soprattutto degli addetti ai lavori dal sound metalcore, oggi il genere più cool aldilà dell’oceano.

Il ritorno dei Disturbed alla fine dello scorso anno ha confermato però che la musica di qualità molte volte non va a braccetto con la fama, con un buon album che, rispetto ad una quindicina d’anni fa quando qualunque disco uscisse con l’etichetta nu metal era oro che colava, è passato senza lasciare traccia o quasi.
I Drowning Pool rischieranno la stessa fine con questo buon lavoro, non un capolavoro ma un esempio concreto di come si suona il genere.
Certo, magari non saremo sui livelli di Sinner del 2001 e l’asso Dave Williams ha lasciato, con la sua scomparsa, non pochi problemi, ma Jasen Moreno spacca al microfono e la band sembra in forma per far divertire gli appassionati del genere.
Le prime quattro tracce sono un ottimo biglietto da visita: l’irruenza metallica, le ritmiche neanche troppo sincopate, un’attitudine quasi rock’n’roll (By The Blood) che lasciano posto all’aggressione senza tregua di Drop, composta da un chorus da spellarsi le mani, conquistano subito e ci danno il benvenuto all’interno di Hellelujah.
Verso la metà dell’album qualche brano perde colpi ( la ballad Another Name, troppo scontata e colpevole di spezzare la tensione), mentre i nu metal fans si leccano le ferite con bordate di quello che è uno dei generi più amati/odiati degli ultimi vent’anni (Symphathy Depleted, Meet The Bullet) ed al quale il gruppo di Dallas, pur non essendone una dei maggiori esponenti, ha sicuramente dato il suo importante contribuito.
Sono passati i tempi dei grandi festival e le copertine patinate di riviste musicale cool, non solo per i Drowning Pool, ma per tutto il movimento, rimane la musica e, verrebbe da dire, finalmente.
Hellelujah si può tranquillamente definire un ottimo ritorno, anche sennza che vengano apportate grosse novità nel sound del gruppo, concedendo anche qualche citazione (Godsmack e Stone Sour): i Drowning Pool conoscono alla perfezione il genere e, cosa non da poco, lo sanno suonare; vedremo quanto la Napalm ci metterà del suo nel supportare un’opera che a livello commerciale è fuori tempo massimo, ma io un ascolto ve lo consiglio, fidatevi.

TRACKLIST
01. Push
02. By The Blood
03. Drop
04. Hell To Pay
05. We Are The Devil
06. Snake Charmer
07. My Own Way
08. Goddamn Vultures
09. Another Name
10. Sympathy Depleted
11. Stomping Ground
12. Meet The Bullet
13. All Saints Day

LINE-UP
Jasen Moreno – Vocals
CJ Pierce – Guitar
Stevie Benton – Bass
Mike Luce – Drums

DROWNING POOL – Facebook

https://www.youtube.com/watch?v=K_X_ZboXQDo

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.