Dr Rubberfunk – My Life At 45

Dr Rubberfunk

Dr Rubberfunk – My Life At 45

Dr RubberfunkDr Rubberfunk è un nome quasi mitico per chi bazzica l’underground soul e funk: al secolo Simon Ward, origini tedesche, è un affermato dj e produttore la cui fama di insaziabile collezionista di vecchie chicche della black music in vinile lo precede.

A suo nome ha già pubblicato tre Long Playing ed ora ci presenta il quarto, dal titolo “My Life At 45”, per l’etichetta Jalapeno Records.
In questa release raccoglie le sue produzioni su 7 pollici rilasciate tra il 2018 ed i primi mesi del 2020, con l’aggiunta di alcuni inediti.

Il lavoro del Dottore come compositore, polistrumentista, organizzatore, produttore e tecnico del suono è sublime. Si spazia tra tutto lo scibile e tra le più svariate influenze del suono afroamericano.
L’apertura del lavoro, che vede ospite alla voce John Turrell, è il torrido blues elettrico di “Boom!”: vera e propria dichiarazione d’intenti.

Con gli ospiti vocali, anche il sapore ed il colore della Motown anni ’70 si fa spesso evidente: Izo FitzRoy in “A Matter Of Time” e nella splendida e Steve-Wonderiana “A Little Blazhay” e Stephanie Whitelock in “With Love” e nel gran R&B di “Laid Bare”.

Si scorre poi tra sinuosi soul strumentali come una “Pressure Cooker” che ha una linea di basso a cui nessun culo potrà resistere e “Slim’s Mood”, episodi grondanti di anima e passione come “Canvas Cathedral” che ospita il sassofono del jazzista Ben Castle, la languida “Steppin’ In”, il blaxploitation sound à la “Shaft” di un pezzo come “How Beautiful” che sembra uscito dalla penna di Isaac Hayes, fino al groove conclusivo di “Longshore Drift”.

Gran lavoro quello di Dr Rubberfunk, non solo per gli amanti del rhythm’n’blues che vivono davvero una vita a 45 giri, ma anche per chi non può fare a meno di musica fresca e di ritmi su cui muovere i fianchi.

Disco da suonare ancora ed ancora a volume alto!

 

Track List
01 Boom! (feat. John Turrell)
02 Pressure Cooker
03 A Matter of Time (feat. Izo FitzRoy)
04 How Beautiful
05 Canvas Cathedral (feat. Ben Castle)
06 With Love (feat. Stephanie Whitelock)
07 Slim’s Mood
08 Hey!
09 A Little Blahzay (feat. Izo FitzRoy)
10 Steppin’ In
11 Laid Bare (feat. Stephanie Whitelock)
12 Longshore Drift

Etichetta Label: Jalapeno Records

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.