Diaframma – Preso Nel Vortice

Diaframma – Preso Nel Vortice

A solo un anno di distanza da “Niente Di Serio”, ritornano i Diaframma di Federico Fiumani. Il nuovo disco, Preso Nel Vortice, si compone di quattordici brani che poco hanno a che fare con la new wave e molto con il cantautorato, il rock più lineare e il pop di qualità. Ad accompagnare il musicista si confermano Luca Cantasano e Lorenzo Moretto, mentre il gruppo degli ospiti si amplia: oltre a Gianluca De Rubertis (già presente nel lavoro precedente), troviamo Max Collini, Marcello Michelotti (Neon), Alex Spalck (Pankow), Enrico Gabrielli (Calibro 35).

ATM e il suo leggero ondeggiare malinconico (su note di chitarra), apre al solare scorrere, tra racconti d’amore e coincidenze, di Claudia Mi Dice, mentre Hell’s Angel, ricordando i fatti accaduti durante il concerto 6/12/1969 dei Rolling Stones, dà il via al corposo svilupparsi di Ho Fondato Un Gruppo (a farsi notare sono il sax e, soprattutto, il basso -oltre alla comparsata di Max Collini-).
I Sogni In Disparte, con la sua amarezza spensierata, corre nella prima parte, per poi prendere fiato e ripartire nel finale, inseguendo il sound in levare della successiva Il Suono Che Non C’è e il cupo malessere dell’oscurissima Infelicità (forse il pezzo migliore dell’intero disco).
Passato il momento più cupo dell’intero lavoro, le atmosfere tornano leggere con L’Amore E’ Un Ospedale (un po’ di pessimismo aleggia comunque), il frizzante saliscendi di Ottovolante (Una Canzone Per Piero Pelù) e il caldo accarezzare (tra chitarra e armonica) della riflessiva L’Uomo Di Sfiducia. Il lento accompagnare della coinvolgente Luglio 2010, infine, lascia spazio al crescere vibrante di Tutte Le Strade, al semplice punk rock della diretta Venisse Il Sole e al lento e delicato chiudere di Voglia Di.

Il nuovo capitolo della saga Diaframma, molto più leggero e solare dei precedenti lavori, mette in luce un artista che, nonostante gli anni, sembra non perdere lo smalto. I quattordici brani proposti, sinceri e privi di pretese, scorrono uno dopo l’altro raccontando di piccole storie d’amore, avvenimenti e considerazioni sulla vita. Un disco piacevole e curato, fatto da un Federico Fiumani che ha deciso di mettere in luce la sua anima più pop.

Tracklist:
01. ATM
02. Claudia Mi Dice
03. Hell’s Angel
04. Ho Fondato Un Gruppo
05. I Sogni In Disparte
06. Il Suono Che Non C’è
07. Infelicità
08. L’Amore E’ Un Ospedale
09. Ottovolante (Una Canzone Per Piero Pelù)
10. L’uomo Di Sfiducia
11. Luglio 2010
12. Tutte Le Strade
13. Venisse Il Sole
14. Voglia Di

Line-up:
Federico Fiumani
Luca Canasano
Lorenzo Moretto

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.