iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Der Geist – The Pain We Don’t Feel

Buona la prima per i Der Geist, dunque; teniamo d’occhio questi ragazzi che dimostrano, con "The Pain We Don’t Feel", di possedere le carte in regola per ritagliarsi un posticino di riguardo nel panorama metallico italiano.

Der Geist – The Pain We Don’t Feel

Ottimo death metal dal prolifico Sud del paese; i Der Geist, nonostante il loro monicker di radice teutonica, vengono dalla ben più assolata Palermo e al loro esordio su lunga distanza si dimostrano del tutto all’altezza della situazione.

Brani brutali, ma ricchi di intrecci sonori si susseguono nel corso dei 40 minuti scarsi di The Pain We Don’t Feel e, come già accennato, i risultati sono oltremodo soddisfacenti; l’accoppiata DesertAnother Cutting Weapon dimostra una certa disinvoltura nell’alternare l’assalto sonoro a passaggi melodici mai banali. Cornfields al contrario è il classico brano di maniera che nulla aggiunge al valore del disco e che, a mio avviso , è lo sviluppo stilistico che i ragazzi palermitani dovrebbero cercare per quanto possibile di evitare; le cose tornano decisamente al loro posto con la successiva Magic Box.
Buona anche Animals, dai riff chirurgici e con un assolo finale per nulla scontato e The Struggle Within, che chiude il lavoro nel migliore dei modi, mettendo in luce una volta di più l’elevato livello tecnico della band siciliana.
Personalmente preferisco l’azzeccato connubio tra death tecnico e melodico che riesce alla perfezione nella già citata Desert, ma in ogni caso, anche quando i nostri accelerano maggiormente l’andatura, l’impatto è assicurato così come pure un sano headbanging.
Buona la prima per i Der Geist, dunque; teniamo d’occhio questi ragazzi che dimostrano, con The Pain We Don’t Feel, di possedere le carte in regola per ritagliarsi un posticino di riguardo nel panorama metallico italiano.

Tracklist :
1. Intro
2. A Moment
3. Desert
4. Another Cutting Weapon
5. Cornfields
6. Magic Box
7. The Court of Guilty Ones
8. Animals
9. My Revenge
10. The Struggle Within

Line-up :
Luca Lepre – Bass
Tommaso Carollo – Drums
Gabriele Schimmenti – Guitars
Mario Lio – Vocals

DER GEIST – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.

Ruststained – Years in Vain

L’operato dei Ruststained non appare affatto didascalico anche perché traspare ad ogni nota una genuinità e una passione che sono lontani anni luce da ogni forma di plastificazione musicale.