iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Décembre Noir – Your Sunset | My Sunrise

Your Sunset | My Sunrise è un lavoro che non ci si stanca mai di ascoltare: precisa e martellante, seppure non scevra di passaggi emozionanti, quest'ultima opera conferma a pieno titolo l'appartenenza dei Décembre Noir ai vertici del death doom tedesco. Décembre Noir.

Décembre Noir – Your Sunset | My Sunrise

Nonostante il moniker francese, i Décembre Noir sono una delle band di punta della scena death doom tedesca; negli ultimi dieci anni circa hanno prodotto un discreto numero di album, tutti di buon livello, per arrivare a questo ultimo Your Sunset | My Sunrise, il quinto della serie.

Nei tre anni intercorsi dal precedente The Renaissance of Hope la band di Erfurt si è concessa un ep come Pale Serenades, ricco di interessanti sperimentazioni e a mio avviso molto riuscito ma che non ha avuto conseguenza alcuna sull’attuale songwriting, visto che i sei brani del nuovo lavoro si snodano all’insegna di un sound roccioso e, allo stesso tempo, convincente nelle sue concessioni alla melodia.

L’opener Dead End: May è una traccia meravigliosa, grazie al sapiente intreccio tra armonie chitarristiche e la robustezza di matrice death, caratteristiche che vengono replicate dall’altrettanto magnifica title track, subito dopo aver ascoltato la più arcigna Against the Daylight.

I delicati arpeggi di Sentimental Giants, che aprono quella che nella versione in vinile è la seconda facciata dell’album, introducono al brano più cupo e introspettivo del lotto, mentre Sleepwalker (In Yesterday’s Smoke) compete in controllata violenza con la seconda traccia; la conclusiva Trivial Heart ritrova l’afflato melodico del brano iniziale, mostrando sempre un invidiabile equilibrio nel dosare le componenti del sound.

Your Sunset | My Sunrise è un lavoro che non ci si stanca mai di ascoltare, proprio in virtù delle caratteristiche enunciate; precisa e martellante, seppure non scevra di passaggi emozionanti, quest’ultima opera conferma a pieno titolo l’appartenenza dei Décembre Noir al tridente guida del death doom tedesco, assieme a Ophis e Calliophis, band rispetto alle quali comunque il quintetto della Turingia possiede tratti più spiccatamente melodici.

2023 – Lifeforce Records

Décembre Noir – Your Sunset | My Sunrise

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abysskvlt – mDzod Rum

Gli Abysskvlt, con mDzod Rum, propongono un’opera di grande spessore, sia dal punto di vista spirituale che strettamente musicale, ma non si può nascondere che tali sonorità siano principalmente rivolte a chi possiede un’indole incline alla meditazione.

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.