iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Decay Of Reality – The First Dementia

Proposta piuttosto strana, non tanto dal punto di vista prettamente musicale, quanto per le modalità particolari, questa dei russi Decay Of Reality.

Decay Of Reality – The First Dementia

Proposta piuttosto strana, non tanto dal punto di vista prettamente musicale, quanto per le modalità particolari, questa dei russi Decay Of Reality.

Un progetto come questo, che vede coinvolti nomi piuttosto conosciuti della scena doom moscovita quali E.S., più noto come voce e chitarra degli Who Dies In Siberian Slush, Hater e Stellarghost degli Abstract Spirit, non può ovviamente deviare più di tanto dall’ambientazione cupa che il genere impone; la particolarità citata in avvio risiede pertanto nella riproposizione dei due brani presenti in tracklist, Seplophobia e Urge To Get Away, in due diverse versioni denominate dalla band rispettivamente Depressive Death e Funeral Core.
Tutto sommato i brani ascoltati nella duplice versione finiscono per non differire più di tanto, se non fosse per un ulteriore ovvio rallentamento nella loro veste funeral, che comunque tra le due si fa preferire, sia per i gusti personali del sottoscritto, sia perché il growl catacombale di E.S. meglio si adatta alle atmosfere plumbee e dilatate che non lasciano alcuno spazio a momenti atmosferici, soffocando ogni minimo spiraglio di luce; un contesto adeguato per liriche incentrate sui disordini mentali, le fobie e in generale tutto ciò che riguarda la sfera psichica dell’essere umano.
Immagino che questo Ep costituisca una sorta di banco di prova per i Decay Of Reality e così pure per la Shapeless Visions che fa il suo ingresso sul mercato con questo prodotto.
Il giudizio, necessariamente provvisorio, sebbene positivo, in attesa della pubblicazione di un album vero e proprio, è sostanzialmente influenzato anche dalla fiducia che ripongo nei confronti della scena doom dell’ex-Unione Sovietica, animata da personaggi che nutrono una passione sincera e smisurata per questo genere musicale.

Tracklist :
1. Seplophobia – Depressive Death
2. Urge To Get Away – Depressive Death
3. Seplophobia – Funeral Core
4. Urge To Get Away – Funeral Core

Line-up :
E.S. – Vocals
Hater – Guitars
Gungrind – Bass
Vile – Drums
Stellarghost – Keyboards

DECAY OF REALITY – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Amarok – Resilience

La cifra compositiva degli Amarok è piuttosto personale in quanto, rispetto al più canonico sludge doom, la band californiana non teme di rallentare i ritmi fino a sfiorare un’asfissia scongiurata dal mood atmosferico e melodico che pervade buona parte di un lavoro riuscito come Resilience.

Abysskvlt – mDzod Rum

Gli Abysskvlt, con mDzod Rum, propongono un’opera di grande spessore, sia dal punto di vista spirituale che strettamente musicale, ma non si può nascondere che tali sonorità siano principalmente rivolte a chi possiede un’indole incline alla meditazione.

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.