Dance with the bear - Disco di platino 1 - fanzine

Dance with the bear – Disco di platino

I Dance with the bear sono quella band di Ferrara che suona con un orso sul palco, no, non un orso vero, s’intende, ma soprattutto sono una band che ti fa muovere e smuovere, insomma, un electro rock all’italiana tutto da scoprire.

Il nuovo album Disco di platino è una bomba, a prescindere dal fatto che possa piacere o no, ma raramente si sente un sound così carico ed allo stesso tempo curato. Anticipato dai singoli Sputare sulla gente e Non cadere sulle spine, il personalissimo disco di platino dei DWTB mostra una crescita notevole della band ferrarese che di certo si impone come realtà nazionale del suo genere. I testi in italiano rappresentano poi una vera e propria chicca per due motivi: il primo è appunto l’uso stesso della ed il secondo è che, se il sound è diretto, le parole lo sono ancora di più. I DWTB vanno contro la moda del momento, vanno anche contro sé stessi ma con una pura consapevolezza, che fare ciò che piace porta sempre degli ottimi risultati, senza pensare troppo alle conseguenze di un sound così duro che potrebbe fare esplodere qualche club. Il loro disco di platino è appena stato pubblicato e noi festeggiamo con loro.

TRACKLIST
1) Superficiale
2) Sputare sulla gente
3) OknonvengOk
4) Non cadere sulle spine
5) Organizzare un rave
6) Manicomio commerciale
7) P.A.I.P (Pipol Ander Inglish Pressure)
8) Scegliere
9) Credevo di essere Marilyn Manson

LINE-UP
Michele Guberti – chitarra e voce
Matteo Pancaldi – basso e programmazione
Tommy Marchesini – synth e programmazione
Stefano Naldi – batteria

DANCE WITH THE BEAR – Facebook

Lorenzo capitani
lorenzodantoni@gmail.com

Nato a Siracusa il 30 Gennaio 1990, musicista per passione sin da piccolo, studia sax ma predilige chitarra e basso con cui ha ha intrapreso diverse esperienze in band di vario genere. Laureato in Economia Aziendale ed iscritto al corso di laurea magistrale in Direzione aziendale a Catania è felice di supportare la scena musicale italiana fondando la prima webzine della sua città, Aretusea Magazine. Spronato da una continua voglia di fare, pensa che la bellezza e la poesia siano le uniche armi a disposizione per un necessario cambiamento.