iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Civic Taken By Force

Civic Taken By Force: I Civic sono australiani e, ascoltandoli, non si può aver dubbio alcuno sulla loro provenienza. I Civic non si inventano niente - che sarà poi sta fregola di doversi per forza inventare qualcosa? - e lo fanno magnificamente.

Civic - Taken By Force

Civic Taken By Force

I Civic sono australiani e, ascoltandoli, non si può aver dubbio alcuno sulla loro provenienza.

I Civic non si inventano niente – che sarà poi sta fregola di doversi per forza inventare qualcosa? – e lo fanno magnificamente. I Civic fanno ritornare magicamente indietro le lancette dell’orologio alla fine degli anni ’80, anni nei quali dalla terra dei forzati della corona inglese arrivavano i migliori gruppi underground mondiali.

Ed io, che in quel periodo mi formai a livello musicale, conservo di quei tempi gloriosi un ricordo vivido e dolcissimo: il mio sogno ad occhi aperti era emigrare in Australia per formare una band che mi e ci rendesse stelle di prima grandezza nel firmamento del punk rock mondiale; non vedo perché, in fondo, il diavolo non potesse fare anche con me, reietto della provincia ligure, un patto come quello che fece con Robert Johnson!

Ma torniamo all’oggetto di queste righe, vale a dire il secondo album dei Civic.

I pezzi, come già accennato, vanno a rinverdire i fasti della migliore tradizione aussie rock, ne siano fulgidi esempi i richiami ai Radio Birdman più aggressivi di Dawn e Time Girl (quest’ultimo in assoluto il mio pezzo preferito fra quelli in scaletta) e a quelli più “groovy” di Taken By Force. Ci sono poi i Saints più sanguigni (esistono Saints meno sanguigni?) in Fly Song e Born In The Heat, una ballad straordinaria come Trick Of The Light e due pezzi – sequenziali – dalla melodia praticamente perfetta che denotano la capacità della band nello scrivere canzoni, come War On Hands Of Time e Blood Rushes.

Il tutto si chiude con il frangersi delle onde di Dusk per noi  che siamo gente di mare che se ne va dove gli pare (a caricar). Questo è il disco “nuovo” più bello che abbia ascoltato negli ultimi cinque anni e, molto probabilmente, sto restringendo il campo.

Civic Taken By Force

Tracklist

1.Dawn 00:34
2.End of the Line 02:58
3.Taken By Force 02:45
4.Fly Song 02:12
5.Trick of the Light 05:13
6.Born in the Heat 02:55
7.Neighbor Sadist 02:25
8.Time Girl 02:35
9.Wars or Hands of Time 02:44
10.Blood Rushes 03:33
11.Dusk 03:45

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Dracula Drivers - Reborn

Dracula Drivers – Reborn

Dracula Drivers, che esista un saldo connubio tra il rock’n’roll che amiamo e le pellicole horror – soprattutto quelle d’antan – è cosa assolutamente assodata.

No Spoiler Ghosting

No Spoiler Ghosting

No Spoiler Ghosting: il punk sta bene, e pure noi godiamo di discreta salute. Come avrebbero detto i latini: ad maiora.

The Prisoners - Morning Star

The Prisoners – Morning Star

In un mondo migliore i Prisoners sarebbero stati delle star, in questo invece non è andata così e forse non era neppure nei loro piani e nelle loro intenzioni;