Chroma Drama – Chroma Drama Ep

Chroma Drama – Chroma Drama Ep

Una band piena di sorprese tra punk, alternative ed energia devastante.

I Chroma Drama presentano un cabaret punk pieno di ecletticità, schizofrenia musicale e tanta, ma tanta roba.

Chroma Drama EP esprime perfettamente il loro spirito ed il loro modo d’interpretare lasfera musicale, quasi come a volersi prendere gioco di se stessi. Il lavoro è un continuo succedersi di sorprese, movimenti rapidi, cambi ritmici e chi più ne ha più ne metta, un’esplosione d’emozioni che ti lascia senza fiato e ti fa esclamare alcune cose che in una recensione non dovrebbero esser scritte. Descrivere ogni brano sembra quasi superfluo in quanto ci si perderebbe in un giro di parole senza fine, basta solo dire che il tutto rende molto interessante il progetto Chroma Drama e la curiosità di vedere la band live potrebbe imprimersi con violenza negli ascoltatori. Un album ben fatto che incarna lo spirito con cui la musica dovrebbe progredire, ovvero scoprendo nuove forme e colori: i Chroma Drama ci dimostrano di certo come fare.

TRACKLIST
1. Blacksmith Of A Blender
2. Bohemienne
3. SHAMEando
4. Nice Empty Box
5. Lying Lullaby

LINE-UP
Sara Palmieri: Vocals, Kazoo
Valerio De Santis: Guitar & Vocals
Roberto Consiglio: Bass
Alessandro Ricciardiello: Drum

CHROMA DRAMA – Facebook

DESCRIZIONE SEO / RIASSUNTO

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.