iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Cgb – L’un Per Cento

Cgb - L'un Per Cento: Diciamocelo pure: l'hardcore non è un genere facile da ascoltare e ora come ora non è alla “moda”, ma i CGB lo fanno da ...

Cgb – L’un Per Cento

Diciamocelo pure: l’hardcore non è un genere facile da ascoltare e ora come ora non è alla “moda”, ma i CGB lo fanno da sempre e di certo non lo lasciano per tutto questo.

Ascoltando “L’un per cento” mi è subito parso che i testi e la musica avessero preso la direzione di un’ introspezione portata a livelli mai visti nei precedenti lavori dei CGB, raggiungendo quasi, sotto certi versi, i gruppi emocore della prima ora (per evitare che si scatenino le furie di qualcuno, intendo gruppi come gli Embrace o i The Rites Of Spring, che meritano un rispetto assoluto).
Testi che, pur parlando di problematiche sociali, non possono fare a meno di essere rielaborati e poi scaraventati fuori per essere successivamente amalgamati con la musica dal taglio tipico della band, creando così una miscela che ancora una volta colpisce nel segno.
I brani si susseguono tra parlato e aggressività pura, riuscendo in tal modo ad esprimere il maggior numero di emozioni possibili.
Un bell’album che manifesta una maturità acquisita e consapevole sfruttata al meglio da parte del gruppo.
Buon ascolto.

Tracklist:
1 – Intro (L’un per cento)
2 – All’ombra della gru
3 – Traiettorie
4 – Nalbon City
5 – Tanita
6 – Fughe da fermo
7 – Outro
Bonus Track Versione 2012
8 – In fronte
9 – Guardando i(n) frantumi
10 – Icaro

Line-up:
Davide – voce
Beck – chitarra
Robi – basso
Lore – batteria

Cgb

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

The Barbacans – Mai Sepolti

L’operazione, retaggio di ciò che facevano i nostri gruppi beat nei magnifici anni sessanta, riesce alla perfezione e le interpretazioni fornite dal gruppo non sfigurano di certo al cospetto degli originali.

Lesní Zv?? – Movable Feasts

I Lesní Zvěř sono un interessante miscuglio di sonorità: infatti, partendo da una solida base nu-jazz, si trovano elementi di elettronica, drum’n’bass, psichedelia e anche di un certo pop molto raffinato.

Secret Colours – Peach

I Secret Colours con Peach riescono a dare un’ottima prova delle loro capacità, sfornando un album che piacerà tanto agli appassionati del genere e riuscirà a conquistare anche i profani in materia.