Cgb – L’un Per Cento

Cgb – L’un Per Cento

Diciamocelo pure: l’hardcore non è un genere facile da ascoltare e ora come ora non è alla “moda”, ma i CGB lo fanno da sempre e di certo non lo lasciano per tutto questo.

Ascoltando “L’un per cento” mi è subito parso che i testi e la musica avessero preso la direzione di un’ introspezione portata a livelli mai visti nei precedenti lavori dei CGB, raggiungendo quasi, sotto certi versi, i gruppi emocore della prima ora (per evitare che si scatenino le furie di qualcuno, intendo gruppi come gli Embrace o i The Rites Of Spring, che meritano un rispetto assoluto).
Testi che, pur parlando di problematiche sociali, non possono fare a meno di essere rielaborati e poi scaraventati fuori per essere successivamente amalgamati con la musica dal taglio tipico della band, creando così una miscela che ancora una volta colpisce nel segno.
I brani si susseguono tra parlato e aggressività pura, riuscendo in tal modo ad esprimere il maggior numero di emozioni possibili.
Un bell’album che manifesta una maturità acquisita e consapevole sfruttata al meglio da parte del gruppo.
Buon ascolto.

Tracklist:
1 – Intro (L’un per cento)
2 – All’ombra della gru
3 – Traiettorie
4 – Nalbon City
5 – Tanita
6 – Fughe da fermo
7 – Outro
Bonus Track Versione 2012
8 – In fronte
9 – Guardando i(n) frantumi
10 – Icaro

Line-up:
Davide – voce
Beck – chitarra
Robi – basso
Lore – batteria

CGB

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Märvel – Double Decade

Grandissimo ritorno degli svedesi Märvel uno di gruppi di hard rock scandinavi più longevi ed apprezzati, e il perché del loro successo è racchiuso in questa doppia raccolta celebrativa.

Tigre - Contro Tigre

Tigre – Contro Tigre

Ad aggiungersi alla prestigiosa lista dei portabandiera di un qualcosa che è molto di più di un genere musicale ci pensano i Tigre che, con i quattro pezzi di questo mini, segnano il loro primo rumoroso vagito.

Eyeless In Gaza – Photographs as memories

Ristampa della meritoria Spittle Records del primo disco del 1981 degli inglesi Eyeless in Gaza, nome tratto da una novella di Aldous Huxley, uno dei gruppi culto degli anni ottanta e non solo. Questa ristampa rende giustizia ad un disco troppo spesso sottovalutato e relegato negli episodi minori del grande gruppo britannico.