iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Carnality – Carnality

Un primo importante passo è stato fatto, è realistico pensare che la prossima uscita possa mostrarci un ulteriore importante salto di qualità.

Carnality – Carnality

I Carnality sono una band riminese che, nonostante sia attiva da più di un decennio, solo ora approda al primo full length.

Il genere proposto dai nostri è un solido brutal death che si muove nei solchi tracciati da mostri sacri quali Nile, Cannibal Corpse e Suffocation ed appare subito evidente dalla compattezza del suono e dalla qualità tecnica esibita che questo lavoro non è stato composto e suonato da ragazzini alle prime armi, ma piuttosto da musicisti già abbastanza esperti.
La costante aggressione sonora assume frequenti sfumature melodiche (per quanto la melodia nel brutal sia un concetto del tutto relativo) mentre momenti carichi di groove sono rinvenibili in gran parte dei brani.
Per gusto personale, prediligo quei passaggi nei quali i Carnality rallentano maggiormente l’andatura erigendo opprimenti muri sonori (come per esempio nella seconda parte di Panopticon) ma va detto che anche le parti contrassegnate da repentine accelerazioni sono realizzate con la dovuta perizia.
Chiaramente il potenziale innovativo di questo lavoro non è ai massimi livelli, ma del resto simili particolari nella proposizione di un genere come il brutal death possono essere colti solo da orecchie molto esperte.
A noi basta sapere che i Carnality hanno prodotto un album che è consigliato vivamente a tutti gli appassionati di sonorità estreme grazie alla passione, alla competenza e alla dedizione convogliata nella sua realizzazione dai musicisti riminesi. Un primo importante passo è stato fatto, è realistico pensare che la prossima uscita (anche a seguito di qualche aggiustamento in line-up arrivato nel frattempo) possa mostrarci un ulteriore importante salto di qualità.

Tracklist:
1. Cosmic Syncronism
2. Exegesis of a Disaster
3. Of Memories We Die
4. Dethroned
5. A Mirror That Doesn’t Reflect
6. Nihilism of the Technique
7. Across Human Desolation
8. Panopticon
9. Mass Murder
10. A Rest Unearth

Line-up :
William Leardini – Bass
Manuel Arlotti – Drums
Marco Righetti – Guitars
Andrea Manenti – Vocals

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.