iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

C’ era una volta in Bhutan di Pawo Choyning Dorji

C’ era una volta in Bhutan: da vedere perché il regista bhutanese ci racconta di un paese dove, specie nelle zone rurali, la religione è più popolare della politica

C’ era una volta in Bhutan di Pawo Choyning Dorji

C’ era una volta in Bhutan di Pawo Choyning Dorji

Titolo: C’era una volta in Bhutan
Titolo internazionale: The Monk and the Gun
Regia: Pawo Choyning Dorji
Produzione: Bhutan, Francia, Hong Kong, Taiwan, USA
Anno: 2023

Il Bhutan, ultimo paese al mondo a connettersi a Internet e alla televisione, nel 2006 affronta il suo più grande cambiamento: il passaggio dalla monarchia assoluta alla democrazia. Per insegnare alla gente a votare, le autorità organizzano una finta elezione, ma gli abitanti del posto non sembrano convinti. Nel frattempo, un anziano Lama sta organizzando una misteriosa cerimonia per il giorno delle elezioni.

Un film su:

• l’importanza delle tradizioni;
• la difficoltà economica di vivere nelle grandi città;
• la fascinazione della vita occidentale;
• l’esigenza di dare ai figli la possibilità di una vita migliore;
• il dover subire le decisioni imposte dall’alto;
• l’ambiguità della politica;
• il vivere in armonia.

Da vedere perché il regista bhutanese ci racconta di un paese dove, specie nelle zone rurali, la religione è più popolare della politica, e lo fa con la stessa delicata ironia utilizzata in passato per un altro un suo bel film – Lunana. Il villaggio alla fine del mondo.

Per propiziarsi la divinità affinché il temuto cambiamento dalla monarchia assoluta alla democrazia avvenga sotto i migliori auspici, la popolazione si premura, osservando un antico rituale buddista, di sotterrare due fucili insieme ad altri oggetti, trasformandoli così da micidiali armi a semplici offerte, simboli d’odio e violenza tranquillamente sacrificabili al loro dio.
Oltre a un bel messaggio antimilitarista, e antiamericano, il film pone un interessante interrogativo: un sistema democratico è un valore aggiunto di per se stesso?

Dedicato a chi odia armi e Coca Cola.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Terramorta – Intifada

Esordio discografico per i Terramorta, gruppo grindcore metal con un tiro esagerato, un qualcosa che ti si attacca addosso come una sanguisuga e non ti molla fino alla fine.

i dannati

I Dannati

I dannati un film che esplora la convivenza tra persone diverse, il diritto di esistere e la bellezza della natura durante la guerra di secessione americana

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

NEGAZIONE/DECLINO – MUCCHIO SELVAGGIO

C’era una volta, in Italia, una scena musicale che – fatto abbastanza raro – non era (troppo) derivativa da influenze esterofile e, per potenza e (bassa) qualità della proposta, non aveva nulla da invidiare alle scene omonime (ma ben più grandi, “quotate” e visibili) inglesi/europee