iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Bobo Rock Radio Stagione 2 Puntata 5

Puntata numero cinque, bella densa e bipolare come il periodo che siamo vivendo.

radio show
Recensione:
5/5

Bobo Rock Radio Stagione 2 Puntata 5

radio show

Puntata numero cinque, bella densa e bipolare come il periodo che siamo vivendo. Ospite speciale Claudia aka Ivy Claudy, voce e tamburi dei granitici SLOKS, autori di una perversa e selvaggia commistione tra garage, lo-fi, wave e tribalismo, in forza alla prestigiosa etichetta Voodoo Rhythm.

Il loro ultimo album Holy Motor è una vera sorpresa, laddove non è facile trovare sorprese in un genere di cui più o meno si è detto tutto.
A contorno, il solito ondeggiare ciclotimico delle nostre selezioni.
Sigla!
Girls Against Boys “Disco Six Six Six”
Rites Of Spring “Peristent Vision”
The Sisters Of Mercy “Alice”
The Nation Of Ulysses “Perpetual Motion Machine”
Nervous Eaters “I’m A Degenerate”
The Dream Syndicate “Filter Me Through You”
Guest: Ivy Claudy from Sloks
Sloks “Dad Can Dance”
Surgery “Breeding”
Scritti Politti “Is And Ought The Western World”
The Archeas “Last Cigarette”
Negazione “Sempre In Bilico”
Le Tigre “Don’t Drink Poison”
Beach House “You Came To Me”

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Merak - Sopho(s)more

Merak – Sopho(s)more

Esplora il secondo EP di Merak – Sopho(s)more e lasciati travolgere dalla loro musica new wave e psych grunge. Corrosiva e avvincente!

Pino Manzella

Pino Manzella: le sue tele sono i fogli espulsi dal tempo. Depositi d’archivio, missive private, borderò di ipoteche, atti notarili, documenti della Cancelleria Centrale o di un Ospedale Civico o del Principe di Palagonia.

Sutratma – Images Beyond the Self / Realms of Eternal Immolation

La particolare scelta operata dai Sutratma ci consente di ascoltare circa un’ora e quaranta minuti di ottimo funeral doom atmosferico, composto con grande competenza, sempre con un occhio molto attento a un’idea di forma canzone che non è così scontata in questo sottogenere e, soprattutto, con un’importante componente melodica che rende molto più semplice l’assimilazione di tutti i brani, anche quelli di maggiore estensione.