The Sloks – Holy Motor

The Sloks – Holy Motor

Che il nostro reverendo, colui che veglia su di noi e approva benedicendoli tutti i nostri peccatucci di rockers indisciplinati ed impenitenti, fosse innamorato del nostro belpaese era un dato di fatto incontrovertibile. Ne siano dimostrazione le sue frequenti incursioni sui nostri palchi che calca sempre con la grazie di un elefante in una cristalleria (si badi bene è un complimento).

Ma il nostro, che in fatto di buon gusto non è secondo a nessuno, ha cominciato anche a pescare nel nostro sottobosco più intricato ed affascinante per infoltire la sua scuderia già piena di delizie. Infatti dopo dopo due band di caratura straordinaria come Movie Star Junkies e Devils è la volta dei torinesi Sloks trovare spazio sul rinomatissimo catalogo Voodoo Rhythm. Il terzetto sabaudo rispetto al suo precedente 7″ ha ancora radicalizzato il proprio sound già non esattamente “educato” in precedenza e in questo disco ci propone dieci pezzi difficili ma affascinati che hanno certo bisogno di più di un ascolto ma che una volta metabolizzati risultano delle vere e proprie schegge di rock’n’roll che si infilano sotto pelle e dalle quali è difficile liberarsi. L’album è aperto da due canzoni davvero ostiche come One Up e Rat brani che si situano in quel territorio insidioso che sta tra il rock’n’roll ed il rumorismo tanto per intenderci quello calcato qualche anno fa da band come i Pussy Galore.

Il pezzo che da il titolo all’album è una lunga e travagliata discesa agli inferi mentre Killer e Dad Can Dance (gran titolo!) sono due proiettili di punk disturbato e disturbante, chiudono il tutto un esercizio noise alla Sonic Youth più ispirati The Swamp e due brani di country+blues+rumore che faranno la felicità di ogni rocker più malato e desideroso di asperità.

Gli Sloks non suonano nulla di nuovo ma nello stesso tempo vi prendono e vi rivoltano come un calzino perché il loro modo di porsi è crudo e disperato tanto da non lasciare spazio a indugi o discussioni; dentro Holy Motor c’è energia, dolore e violenza in pratica la quintessenza del rock’n’roll.

ETICHETTA: Voodoo Rhythm Records

TRACKLIST
1) One Up,
2) Rat,
3) Holy Motor,
4) Jazz Is Dead,
5) Killer,
6) Dad Can Dance,
7) The Swamp,
8) Crashing,
9) Lost Memories,
10) By The River

LINE-UP
Ivy Claudy – Screaming,
Peter Chopsticks – Drums, Buddy Fuzz – Strings

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Madhouse – Secret antithesis

Terzo disco per i Madhouse capitanati dalla cantante cantante Federica Tringali e dal chitarrista Filippo Anfossi, il titolo è ” Secret antithesis” ed esce per Nadir Music. La proposta musicale dei Madhouse è un metal moderno e fresco, con rimandi gotici in alcuni passaggi.

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.