Black Gremlin – The Fun Is Over

Black Gremlin – The Fun Is Over

Innanzitutto comincio queste mie righe dicendovi che prima di accingermi a parlare di questo disco mi sono gustato nella sua interezza il bellissimo La ripetente fa l’occhietto al preside del maestro Mariano Laurenti e che quindi il mio giudizio potrebbe essere, favorevolmente, condizionato dalla gioia che mi ha dato questa visione. Per carità l’album in questione lo avevo già ascoltato almeno un paio di volte, non scrivo mai nulla prima di essere veramente convinto di quello che dico, e lo avevo trovato molto interessante ma scriverne dopo aver visto in azione Lino Banfi, Alvaro Vitali e la splendida Annamaria Rizzoli non può che averne accresciuto il valore.

Ma stop al trash (trash a chi???) e spazio ai Black Gremlin che suonano quello che quando ero ragazzino, giusto tre o quattro anni orsono, era considerato come una vera e propria bestemmia e vale a dire un misto grezzo e stimolante di punk e metal, parrocchie che una volta non si vedevano affatto di buon occhio.

Io personalmente ho sempre parteggiato per il buon vecchio punk-rock ed infatti i pezzi che preferisco di questo disco sono quelli che maggiormente occhieggiano a quest’ultimo e vale a dire l’attacco all’arma bianca dell’iniziale Refusing To Die, il suono tozzo e incompromissorio alla New Bomb Turks di Parma Rock City (il mio brano preferito del lotto), il crossover alla D.R.I. di On The Steel Wings Of Douchiness e la disperata Hangover Boy. Nei restanti pezzi si sentono anche altre influenze altrettanto nobili tipo Motorhead, Thin Lizzy, Nashville Pussy, Raging Slab e sono infatti tutti molto più che godibili, ma se devo fare una scelta questa ricade ovviamente su quel tipo di suono con il quale sono cresciuto.

Come dicono i Black Gremlin “The Fun Is Over” e quindi mi preparo a soffrire d’altronde hanno appena ripristinato l’ora solare ed il derby di sabato prossimo dice piuttosto male per i miei colori, grazie ragazzi vi sarò eternamente grato per questa iniezione di ottimismo…

TRACKLIST
1) Refusing To Die,
2) Cobra Kai,
3) Vertical Lips,
4) The Flame,
5) Parma Rock City,
6) Lone Wolf,
7) On The Steel Wings Of Douchiness,
8) Magnetic Eyes,
9) Not Like You,
10) Party Crasher,
11) Hangover Boy,
12) Class Of Nuke’em

LINE-UP
Cobra Christofory,
Simple Matt,
Mek Spazio,
Narco Maynard

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.