iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Arcana Coelestia – Nomas

"Nomas" è un lavoro magnifico, che cresce in maniera esponenziale ad ogni ascolto e che, ogni volta, fa scoprire passaggi fondamentali che non erano stati colti nelle occasioni precedenti

Arcana Coelestia – Nomas

Al loro terzo album, che arriva dopo cinque anni dal precedente “Le Mirage De L’Idéal” a causa di una serie di vicissitudini legate alla line-up, i sardi Arcana Coelestia danno alle stampe il loro lavoro migliore rivelandosi, peraltro, del tutto complementare ai diversi progetti musicali che vedono coinvolto MZ, unico rimasto tra i membri originari della band dopo la fuoriuscita del vocalist LS.

Il polistrumentista cagliaritano, infatti, è attivo attualmente con diverse band appartenenti all’orbita doom, quali gli Urna e gli Aphonic Threnody, nei quali troviamo alla voce proprio il nuovo cantante RM, ed i Locus Mortis, dediti al black metal, nei quali milita il drummer PV, andando così a ricostituire, di fatto, la line-up con la quale è stato inciso Nomas.
Questo intreccio, che porta spesso gli stessi musicisti a suonare in più band, non significa affatto, per fortuna, che tutte queste finiscano per assomigliarsi tra loro e, se vogliamo, gli Arcana Coelestia rappresentano proprio più di altre la summa delle diverse esperienze, così che il black dei Locus Mortis, il death-doom degli Aphonic Threnody ed il funeral dai tratti sperimentali degli Urna vengono convogliati in una forma espressiva che rasenta la perfezione nella sua capacità di amalgamare tutti questi aspetti.
In Nomas, i cinque lunghi brani sono intrisi di tutti ciò che serve per catturare l’ascoltatore in virtù di composizioni capaci ognuna di regalare momenti davvero indimenticabili, siano essi improvvise aperture melodiche (la stupenda linea chitarristica al terzo minuto di Nomas 2), oscuri passaggi sinfonici (il solenne finale di Nomas 3) o atmosfere sognanti (in conclusione di Nomas 5).
Non da meno sono le frequenti sfuriate di matrice black, sorrette dal drumming vario di PV, dal lavoro alle sei corde di MZ, sempre in grado di estrarre lembi di melodia anche nei momenti più cupi e parossistici, e dal gran lavoro vocale di RM, versatile e soprattutto comunicativo in ogni stile adottato.
Nomas è un lavoro magnifico, che cresce in maniera esponenziale ad ogni ascolto e che, ogni volta, fa scoprire passaggi fondamentali che non erano stati colti nelle occasioni precedenti, composto e suonato da musicisti nostrani che meritano d’essere seguito con la dovuta attenzione nell’ambito dei loro molteplici progetti e non solo con gli Arcana Coelestia.

Tracklist:
1. Nomas I
2. Nomas II
3. Nomas III
4. Nomas IV
5. Nomas V

Line-up:
PV – Drums
MZ – Guitars, Bass, Effects, Keyboards
RM – Vocals

ARCANA COELESTIA – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SolNegre – Annihilation of the Self

Annihilation of the Self è un ep in cui le più nobili fonti di ispirazione dei SolNegre vengono convogliate all’interno di un tessuto musicale costantemente in divenire e privo di smagliature, ruvido e compatto ma, allo stesso tempo, malinconico e melodico come deve essere il migliore death doom.

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico