iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Ancient Sky – Trips

Ancient Sky - Trips: Gli Ancient Sky sono un quartetto newyorkese impegnato da ormai quattro anni e due LP nella sperimentazione delle forme ...

Ancient Sky – Trips

Gli Ancient Sky sono un quartetto newyorkese impegnato da ormai quattro anni e due LP nella sperimentazione delle forme più liquide e spaziali della psichedelia rock. Tra Hawkwind e primi Pink Floyd, Kyuss e sonorità desertiche, riverberi texani e noise drone newyorkesi T.R.I.P.S. suona come una lunga suite space (post)rock in odor di LSD.

Forse un pochino ridondante ma sicuramente accattivante e in grado di tener fede al “titolo concept” che hanno scelto per l’album.
La bella traccia di apertura “Towards The Light” mette subito i puntini sulle I, partendo sulla punta dei piedi con una sorta di psych-ambient trasportato da una dolce brezza per poi sorprendere l’ascoltatore con una colata di psichedelia rock formato Earthless ma più pop e matura, con una squisita vena pop in grado di renderla ascoltabile e tremendamente divertente. Si replica con “Wooden Ear”, un’ancor più riuscito tuffo a testa in giù nell’hard-psych dei 70s (Hawkwind), un pezzo dalle vibrazioni acide che mostra una dolce anima soul. “T.R.I.P.S.” è un po’ quello che promette, tre minuti di drone chitarristici immersi nell’acido lisergico in grado di sballare anche un orso polare. Poi i nostri si fanno prendere un po’ la mano nella seconda parte del disco, e l’ascolto stanca un po’. Soprattutto con “All Colors At Once”, una lunga ballata acida, lenta e terribilmente space. Riesce a dire qualcosa in più, invece, il dolce raga psichedelico “Ray Bradbury”.
Il disco è tutto sommato godibile, ma non eccelso. Bene sugli episodi più “pop”, dove ha la meglio il formato canzone e la melodia, che tengono desta l’attenzione e la dirottano sulle felici soluzioni armoniche e le sperimentazioni psych-drone, un po’ meno quando insistono su territori space, e allungano il passo. Bella prova, comunque, di una band che non va assolutamente sottovalutata.

TRACKLIST
1. Towards The Light
2. Wooden Ear
3. Snow In The Cemetery
4. T.R.I.P.S.
5. All Colors At Once
6. Ray Bradbury
7. Oake Island

LINE-UP
Brian Markham, Pat Broderick, Mike Kutchman and Dima Drjuchin

waww.facebook.com/ancientskyband
waww.ancientsky.bandcamp.com
waww.sonsofvesta.it
http://loudbabysounds.com/

Ancient Sky-Trips

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Emma Tricca - Aspirin Sun_cover

Emma Tricca – Aspirin Sun

Emma Tricca – Aspirin Sun : «Aspirin Sun» è un disco mattutino: di folk psichedelico mattutino, forse un po’ insonne. È folk cinematografico, se mi passate il termine, ideale colonna sonora di un vecchio film

Deerhoof - Miracle-Level_cover

Deerhoof – Miracle-Level

Tolti i testi, di cui la maggior parte di noi non capirà un acca, la musica è quella dei Deerhoof che abbiamo imparato ad amare, appena appena più pop e diretta di quella fuoriuscita dalle prove precedenti, ma sempre piacevolmente unica e bislacca.

Pamplemousse - Think of It_cover

Pamplemousse – Think of It

Think of It è un disco noise rock in bianco e nero, analogico fin dalla coperta, costruito su fondamenta di accordi in minore, riff fuzzosi che si avvolgono e si svolgono in continuazione come quelli di chi sapete voi, accompagnati da un battito preciso e minimale, che dà un solido contributo a sostenere l’architettura e dare groove alla materia.

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.