Amanita In Salsa Anni Novanta: Shoun Shoun, Monsters & Heroes

Amanita In Salsa Anni Novanta: Shoun Shoun, Monsters & Heroes

Questo è un disco al veleno. Fin dalle prime note, l’intento è di intossicare l’ascoltatore, inondarlo di spore, sostanze intorpidenti, che arretiscono il corpo e lasciano la lingua molto amara.
I Shoun Shoun, formazione di Bristol dagli ascendenti decisamente più americani che britannici, si autodefiniscono “sperimentali”, ma a me pare che di sperimentale in questo disco ci sia ben poco.
Piuttosto, trasmette vibrazioni anni Novanta: Grunge e Alternative Rock con cantato al femminile intriso di un lirismo a tratti arrabbiato, segno tangibile di un’introspezione da vita violenta, profondamente lacerata nei moti e tra le pieghe pieghe dell’anima.

Al classico dualismo basso/batteria (quest’ultima decisamente efficace nel trasportare l’ascoltatore con ritmiche azzeccate) fanno da contraltare melodico violino e synth, che ricamano atmosfere cupe e psicotiche, a tratti crepuscolari e fuligginose.
Molto belle le chitarre, taglienti e fredde come il ghiaccio, soprattutto nei suoni puliti, pregni di riverbero, chorus e muffe mefitiche.
Ecco, c’è senza dubbio molta umidità in queste canzoni, uno spesso strato di muschio verde grigio nero che vela l’intera opera, una patina malevola e mortifera, che avvolge e avvinghia, tra momenti neurotico nevrotici (much sweeter) altenati ad altri più cupi e introspettivi (sway with me, stuck, refresh & replay). Sono decisamente questi ultimi a prevalere, raggiungendo l’apice della malattia con Follow me, una nenia psicotica e d’effetto assoluto.
La malattia prosegue, in maniera più moderata, con Toxic,  dal piglio decisamente più accattivamente. My Daughter sarebbe stato un buon singolo per la MTV del 1995 o giù di lì: diretta e melodica, impreziosita da una linea di armonica a bocca che dà al tutto un taglio da America profonda decisamente azzeccato. Bello il finale con la delicata e sognante Schwing mit mir, con il cantato in tedesco che ci trasporta in una mitteleuropa cupa e inquietante.
Se amate certa musica dei Novanta, questo disco fa decisamente per voi.

Shoun Shoun, Monsters & Heroes

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati