iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Allan Glass – Guzznag

Secondo EP per questo duo che dimostra buone potenzialità e buone idee, ma bisognerà attendere da parte loro la prova della maturità per capire se riusciranno ad esprimere il loro potenziale

Allan Glass – Guzznag

Gli Allan Glass sono un duo psichedelico formato da Marco Matti, il quale si occupa di chitarra, voce, synth e della registrazione, e Jacopo Volpi, che invece suona batteria, drum machine e synth, entrambi classe 1989, da Alessandria. Già fattisi notare nel 2008 con l’EP “Stanze Con Crepe”, bissano quest’anno con un altro EP, intitolato in onore di certi folletti cattivi presenti nelle favole, nella cui presentazione dichiarano di essersi affidati ad attrezzature “vintage” per dare al suono una sua particolarità.

Dopo l’intro distorta Satellite tra le dune, si passa a Sergente, pezzo breve ma potente, con chitarre molto presenti, e nel quale compare anche un pochino di cantato in sottofondo: la scelta esplicita del duo (che caratterizza anche le tracce successive) è infatti quella di lasciare il cantato in “secondo piano” per così dire, ad accompagnare il flusso sonoro senza condurlo.
Il succo dell’EP è tutto concentrato nella parte centrale con 5 Giorni Bugiardi, pezzo da quasi tredici minuti, che forma un unico flusso sonoro di grande forza espressiva, capace di lanciarsi in una marcia solenne ma anche di lasciarci sospesi per due minuti buoni prima dell’assalto finale, per poi affievolirsi in chiusura.
Marty’s Swallow invece è una traccia che si avvicina un poco all’indie rock italiano, più delicata, grazie alla presenza dell’acustico, e lascia piacevolmente sospesi tra gli echi e riverberi delle voci.
A cena con Woland più che una traccia è una breve “outro”.

In conclusione gli Allan Glass ci danno un assaggio della loro sperimentazione rock, assimilabile soprattutto a psichedelia e noise, ma Guzznag si ferma ad un abbozzo del loro potenziale senza un’identità ben chiara. Le idee ci sono, si intravedono buone capacità da parte dei due musicisti alessandrini, ma per capire se saranno in grado di esprimere pienamente tali capacità si attende in futuro una prova di maturità.

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Tricky – Ununiform

Il ritorno di Tricky è un convincente ripercorrere i suoi passi, tra il buon vecchio Trip-Hop ancora in grande spolvero, la via dell’Elettropop e la scoperta del Rap russo, ottime collaborazioni per un disco che sembra segnare un cambio di rotta in ripresa per una delle pietre miliari del suono di Bristol

Speciale Electropark Festival 2017

Speciale Electropark Festival 2017: Electropark Festival è uno degli eventi musicali, e non solo, più innovativi e particolari che la città di Genova possa …

Live Report: Swans @ Magnolia, 03/08/17

uno non può andare a sentire Michael Gira e i Swans pensando di andare a un concerto rock, dovrebbe piuttosto pensare di andare a provare un’esperienza sonora suggestiva.