iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Again I Hear – The Illusion Of Choice

Grande hardcore melodico dalla Sicilia.

Again I Hear – The Illusion Of Choice

Grande hardcore melodico dalla Sicilia.
Felice debutto per gli Again I Hear, gruppo ben al di sopra della media nel mondo dell’hardcore melodico.

I numi tutelari sono i soliti per quanto riguarda il genere, ma il loro timbro personale è quello dei grandi gruppi.
Il gruppo si forma dalle ceneri di altri gruppi locali quali Raising Compromise, Muttley, Fingerbang, Almost Monkey e Not Your Friend.
I ragazzi hanno talento e si sente per tutto il disco, che è davvero divertente e riporta chi come me non è più giovanissimo, ai bei tempi dell’hardcore melodico di una ventina di anni fa,
Gli Again I Hear sono molto freschi, e l’ottima produzione li aiuta non poco.
L’hardcore melodico a prima vista può sembrare un genere semplice, ma non lo è affatto; il rischio di essere banali è grande, e soprattutto in un genere abbastanza statico per spiccare dalla massa, devi davvero avere qualcosa in più.
Quel quid in più rispetto agli altri è dato dalla passione e dalla voglia di fare bene le cose, che insieme al talento, sono un ottimo viatico.
Il disco è venduto, sia fisicamente che su bandcamp, ad un prezzo molto basso, e sarebbe davvero un peccato non comprarlo, soprattutto per voi che vi perdereste del buon divertimento.

Tracklist:
1. Jesus Cn’t Skate
2. Hold On
3. Say Somethin’Else
4. I’m Comin Up
5. Swigmore University
6. Off The Wall
7. Trapped In A Cage
8. The Worst
9. Wake Up Alice
10. Hold On ( Acustic )

Line-up:
Dave : Chitarra, Voce
Ale : Batteria
Skè : Chitarra, Voce
Salvo: Basso

AGAIN I HERE – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.