iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Acid Baby Jesus And Hellshovel – Voyager 8 Ep

Due vecchie conoscenze dei lettori di In Your Eyes (perlomeno di quelli che leggono i deliri del sottoscritto), i canadesi Hellshovel e gli ateniesi Acid Baby Jesus, compagni di scuderia in Slovenly Recordings e, c'è da immaginarselo, di grandi bisbocce, si sono trovati insieme ad Atene e hanno deciso di dare vita ad un EP comune per festeggiare il trip (ehm, sì, insomma ...).

Acid Baby Jesus And Hellshovel – Voyager 8 Ep

Voyager 8 è l’unione dell’urgenza garage-psych degli Acid Baby Jesus, con il loro fuzz lisergico e punk, e della“posatezza” folk-psych degli Hellshovel, con il loro caratteristico riverbero e la ripetizione ossessiva dei riff.
A questo va aggiunto del viscido liquame space rock, estraneo sinora agli esperimenti delle due band, che si aggira per tutti e quattro i pezzi come un serpente che tutto avvolge.
Ancient Shadows, opening track del maxi EP e primo pezzo by Voyager 8 è costruita su un riff circolare a-la Hellshovel che viene sciolto nell’acido lisergico da una chitarra in perenne riverbero e da effluvi elettronici sullo sfondo, prima di essere violentata dai deliri fuzz punk degli ateniesi. Ne esce un pezzo dal mood avvolgente che si fa ascoltare e riascoltare donando una piacevole esperienza psichedelica.
L’altro pezzo accreditato ai Voyager 8, Ezra, dilata le fattezze freak della precedente in un sinuoso space rock da cantina; la durata estrema (6:37) non aiuta l’assimilazione ma se lo si ascolta con attenzione rivela piacevoli angoli nascosti.
Per i due pezzi accreditati alle rispettive band il discorso è un po’ diverso, essendo un tantino stemperata quell’aura space di cui sopra: qui vincono a mani basse gli Ateniesi, con quella I Went Down in bilico tra psichedelia freak e suggestioni morriconiane che, va sottolineato, è la vera perla di questo dischetto.
Gli Hellshovel, invece, fanno bene il compitino (perché per carità, la loro Yolanda si fa ascoltare che è una bellezza) ma non si distaccano un millimetro dalla formula sperimentata sull’album d’esordio. Bravi ma non eccelsi.
Esperimento interessante, in fin dei conti, questo Voyager 8, da ripetere, senza dubbio; solo che a me ha fatto venire una gran voglia di ascoltare il prossimo degli Acid Baby Jesus.

Track List :
1. Ancient Shadows (Voyager 8)
2. I Went Down (Acid Baby Jesus)
3. Ezra (Voyager 8)
4. Yolanda (Hellshovel)

Line Up : (Voyager 8)
Jeff Clarke
Dox Grillo
Noda Pappas
Markos Mazarakis
John Vulgaris

Slovenly Bandcamp

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Emma Tricca - Aspirin Sun_cover

Emma Tricca – Aspirin Sun

Emma Tricca – Aspirin Sun : «Aspirin Sun» è un disco mattutino: di folk psichedelico mattutino, forse un po’ insonne. È folk cinematografico, se mi passate il termine, ideale colonna sonora di un vecchio film

Deerhoof - Miracle-Level_cover

Deerhoof – Miracle-Level

Tolti i testi, di cui la maggior parte di noi non capirà un acca, la musica è quella dei Deerhoof che abbiamo imparato ad amare, appena appena più pop e diretta di quella fuoriuscita dalle prove precedenti, ma sempre piacevolmente unica e bislacca.

Pamplemousse - Think of It_cover

Pamplemousse – Think of It

Think of It è un disco noise rock in bianco e nero, analogico fin dalla coperta, costruito su fondamenta di accordi in minore, riff fuzzosi che si avvolgono e si svolgono in continuazione come quelli di chi sapete voi, accompagnati da un battito preciso e minimale, che dà un solido contributo a sostenere l’architettura e dare groove alla materia.

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.