iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Abyssal – Glacial

Sarebbe riduttivo limitarsi ad affermare che gli Abyssal sono la migliore band messicana dedita al funeral doom, visto che la creatura musicale di Fernando Ruiz offre da almeno quindici anni un’espressione efficace e personale del sottogenere.

Glacial è il settimo full length di inediti pubblicato dalla band di Tijuana (non volendo tenere conto di Misanthrope 2020) e conferma quanto di buono già esibito in passato, rafforzando l’idea che gli Abyssal siano oggi la realtà che più si avvicina agli imprescindibili Bell Witch per il suo approccio al funeral, soprattutto prendendo in esame la discografia a partire da Anchored del 2015; infatti, da lì in poi il sound si è di volta in volta raffinato fino a raggiungere uno standard qualitativo alquanto elevato con i notevoli Misanthrope (2018, poi come già detto riveduto e corretto due anni dopo) e A Deep Sea Funeral (2022).

Glacial però, a mio avviso, alza ulteriormente l’asticella proprio perché in questa traccia unica (formula adottata da Ruiz fin dall’esordio) di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff; anche per questo si palesano le citate analogie con la band di Dylan Desmond, e se la maestosità di un capolavoro come Future’s Shadow Part 1: The Clandestine Gate è oggettivamente irraggiungibile per la quasi totalità delle band impegnate nel funeral doom, è necessario rimarcare con forza che quella esibita degli Abyssal non ne risulta affatto una versione sbiadita o edulcorata, rivelandosi semmai qualcosa di molto vicino per la nitidezza con cui vengono rappresentate la caducità e l’opprimente e ossessiva ciclicità dell’esistenza.

Ecco perché questo full length merita di essere ascoltato e sviscerato da parte degli appassionati più attenti e pazienti, in grado proprio per questo di apprezzare una volta di più l’operato del bravo musicista della Baja California.

2024 – Transylvanian Recordings

Abyssal – Glacial

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.

Ruststained – Years in Vain

L’operato dei Ruststained non appare affatto didascalico anche perché traspare ad ogni nota una genuinità e una passione che sono lontani anni luce da ogni forma di plastificazione musicale.