Abbath – Abbath

Abbath - Abbath 1 Iyezine.com

Pubblicato il

Scritto da

Album scomodo da recensire il debutto omonimo di uno dei personaggi più illustri della scena black metal: non si può che partire dalla fine della diatriba tra gli Immortal, dove Olve “Abbath” Eikemo ne è uscito sconfitto, perdendo il diritto sul monicker di una delle band più importanti del movimento della quale lui è sempre stato il principale compositore.

Scomodo perchè, da una figura così importante della scena estrema, ci si aspettavano grandi cose, ed in effetti Abbath è un gran bel disco ma con i suoi difetti (più che altro di produzione), così che, parlandone come merita, lascia nel lettore il dubbio su chi scrive.
Sarà di parte? O l’album merita davvero le lodi?
Allora chiarisco subito che il sottoscritto non è mai stato un grande fan della band norvegese, pur essendo conscio dell’importanza che ha avuto sulla nascita e l’affermazione di uno dei generi più importanti del mondo metallico estremo e dandole il merito di aver scritto almeno due album fondamentali, At the Heart of Winter (1999) e Sons of Northern Darkness (2002).
L’album si sviluppa su dieci brani, più una cover dei Judas Priest (Riding On The Wind), dove al sound di chiara ispirazione Immortal, il buon Olve toglie quasi del tutto le atmosfere epiche, presenti sopratutto nelle opere citate, a favore un approccio più asciutto e in your face.
Ma la differenza Abbath la fa nella prestazione dei musicisti coinvolti con il chitarrista che, ancora una volta, dimostra con uno tsunami di solos heavy metal il suo valore alla sei corde, straordinariamente accompagnato da due interpreti disumani: Kevin “Creature” Foley, batterista straordinario e, purtroppo, già fuori dal gruppo, ed il bassista King.
Aggressivo, veloce, glaciale, oscuro e senza fronzoli, Abbath, sfodera verve thrash metal e marziale estremismo black, il chitarrista norvegese sa perfettamente come intrattenere le orde di fans estremi e dall’alto della sua esperienza ci riesce alla grande.
Come detto non mancano ottimi solos di stampo heavy, ed un mood leggermente più moderno rispetto alle ultime produzioni degli Immortal: le gelide atmosfere di cui il musicista è famoso sono sempre lì  ad avvolgerci nel loro abbraccio freddo come la morte, mentre lo scream gracchiante (marchio di fabbrica di Abbath) non concede speranza.
L’opener To War è il perfetto esempio della musica proposta dal chitarrista e compositore norvegese, un black/thrash oscuro, senza compromessi e dal buon tiro, confermato dalle restanti tracce su cui spiccano Ocean Of Wounds, Count The Dead e la cadenzata ed heavy Root Of The Mountain.
Se questa è una da considerare una rinascita, lontana dal gruppo che lo ha reso famoso, direi che senz’altro la carriera solista dell’ex Immortal parte con il piede giusto, purtroppo l’abbandono prematuro del batterista sarà un altro problema da risolvere al più presto, ma statene certi che Abbath non si farà certo trovare impreparato al momento di portare la sua musica on stage, noi lo aspettiamo.

TRACKLIST
1. To War!
2. Winterbane
3. Ashes Of The Damned
4. Ocean Of Wounds
5. Count The Dead
6. Fenrir Hunts
7. Root Of The Mountain
8. Endless
9. Riding On The Wind
10. Nebular Ravens Winter

LINE-UP
Abbath: Voce, Chitarra
King: Basso
Creature: Batteria

ABBATH – Facebook

Tags:
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.