23 and Beyond the Infinite – Lumen del Mundo

23 and Beyond the Infinite - Lumen del Mundo

23 and Beyond the Infinite – Lumen del Mundo

Ed è bellissimo perdersi in questo incantesimo.

Mi servo – indegnamente – di un verso del compianto Franco Battiato per introdurre queste mie righe sul nuovo lavoro dei 23 and Beyond the Infinite band con parecchie frecce al proprio arco e con la capacità di scagliarle tutte sul bersaglio voluto.

Otto sono i brani che compongono questo Lumen del Mundo, sette originali ed una cover, album che conferma come i ragazzi stiano crescendo in consapevolezza nei propri mezzi ed in capacità di mettere perfettamente a fuoco idee ed ispirazioni.

Il disco si apre con Infinite # 23 un pezzo psych incalzante alla Spacemen 3 ma non privo di proficui cambi di ritmo, seguono Knives nella quale fa capolino persino una vena country (!!!) anche se il cantato rimanda a quello di qualche oscura band di quelle che si trovano nelle compile sixties e Surfin’clogs nel cui incedere si possono ascoltare rimandi alla sacra triade Bauhaus, Killing Joke, Red Lorry Yellow Lorry anche se il tutto non è privo di ottime aperture più “solari”.

L’apice della scaletta è rappresentato dal parossismo di Horsedance alla quale fanno seguito il salmodiare desertico di Chemical Lovebomb e l’improbabile connubio tra i Buffalo Springfield ed i Loop in preda ad un ottimo trip di Dark Sunset.

Lumen del Mundo non sarà il definitivo sentimento nuevo, cosa lo è oggigiorno, ma certamente è disco molto molto bello.

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Rossomalpaolo

La prima volta che ho interagito con Paolo aka Rossomalpaolo è stato in un periodo in cui ero curiosa di sperimentare i limiti del mio corpo.

E’ morto Tom Verlaine

Un’altra orrenda notizia arriva a funestare questi primi sprazzi di 2023 in termini di perdite musicali. In queste ultime ore ci ha lasciati infatti, dopo una breve malattia, anche il cantante, chitarrista e songwriter statunitense Tom Verlaine.

Grandiosa Muerte – Egregor

Dietro al nome Grandiosa Muerte c’è un uomo solo saldamente al comando, il suo nome è Max Gutiérrez Sánchez, già fondatore di altri tre gruppi : Ravensouls, December’s Cold Winter, e Advent Of Bedlam. Max ha conosciuto l’abbraccio mortale del metal quando abitava in Spagna ed è lì che ha contribuito a fondare i suoi primi gruppi.

Märvel – Double Decade

Grandissimo ritorno degli svedesi Märvel uno di gruppi di hard rock scandinavi più longevi ed apprezzati, e il perché del loro successo è racchiuso in questa doppia raccolta celebrativa.