BAUHAUS – IN THE FLAT FIELD (1980)


BAUHAUS – IN THE FLAT FIELD (1980)

Luogo: Parco della Maggia,Quarrata
Periodo: primi anni’80

Reduci da una nottata brava a Riccione,in piena estate,la città era affollata da meccaloni (i frikkettoni ke frequentavano le discoteke afro). Avevamo fatto scorta di micropunte arrivate freske freske da Amsterdam.
Dato ke quello della sera prima era stato il miglior trip ke mi fossi mai fatto,decidemmo di replicare
nel bosco della Maggia il pomeriggio.
La Ford parkeggiata in mezzo agli alberi,io e Ugo stravaccati ad aspettare gli effetti acidofili e Tonio,col suo accento siculo-toscano,ke diceva: “Questa è la musica giusta x la situazione”.

Così cominciava la tortura della goccia cinese:”plin…plin…”(e non è la pubblicità dell’acqua ke fa pisciare). La kitarra distorta di KEVIN HASKINS introduceva questa cantilena gothica,dove la voce di MURPHY (sì,proprio quello di Z-NATION!) ci ipnotizzava fino a salire a toccare i rami + alti nel bosco (“I DARE YOU TO BE REAL…),fino a ke il ritmo tribale interrompeva e ci lasciava cadere su 1 letto di foglie sekke.
Io ero abituato ai CLASH,ai DEAD KENNEDYS,ai SEX PISTOLS,quelli sembravano inkazzati,ma facevano R’N’R,roba + allegra;questi invece erano punk,erano glam,ma sembravano sopratutto l’incarnazione del male.

E la cosa mi piaceva!

Poi il tempo forsennato di “IN THE FLAT FIELD” ci trasportava sempre + lontano (“I DO GET BORED,I GET BORED IN THE FLAT FIELD”)fino a sentirci i protagonisti del tempo,della musica,padroni della nostra e della vostra esistenza…
I suoni deraglianti e dissonanti della kitarra accompagnavano i cori ed il pezzo sfumava,l’arpeggio introduceva 1 riff accompagnato dai piatti ed il basso sottolineava tutto il malessere del brano e quella voce così maleficamente BOWIEana ci mostrava “A GOD IN AN ALCOVE”.

“DIVE” era 1 nuovo modo di suonare PUNK,1 punto a cui gli altri eroi della WAVE (leggi JOY DIVISION,PIL,CURE) non sarebbero mai arrivati.
Così arrivò 1 attimo di pace (si fa x dire). “THE SPY IN THE CAB”,senza conoscere il testo ci comunicava 1 senso di paranoia,quel preciso momento in cui SAI ke tutti ti stanno osservando e ti spiano…”I SPY WITH MY LITTLE EYE:::” Quel ritornello condito dal feedback di HASKINS sembrava non aver fine.
Non so se ad 1 certo punto qualcuno girò la cassetta in makkina (sicuro ke ancora non c’era
l’autoreverse).

I tamburi di DANIEL ASH ricominciarono a pikkiare,suo fratello (DAVID J,bassista)andava dritto sul monotono,HASKINS splettrava con la cartavetro ed il blues extraterrestre di”SMALL TALK STINKS” proseguiva fuori e dentro ai nostri cervelli.

L’atmosfera si ricaldò ancora al ritmo di “ST.VITUS DANCE”,gli alberi intorno cercavano di muoversi con noi,scuotendo le radici sottoterra ed inondando il bosco di polvere.
Quando iniziò la messa nera eravamo in piena estasi;con “STIGMATA MARTYR” cominciai ad aver dubbi sul mio ateismo.Non x niente,ma se esiste il demonio deve pur esserci anke 1 dio.
Il ritmo ossessivo del basso mi stava avicinando sempre di + alla pazzia e la voce di MURPHY ke urlava “IN NOMINE PATRI ET FILII ET SPIRITUM SANCTUM” mi lasciò senza respiro. Non sapevo se continuare ad ascoltare quel disco x tutta la vita come una condanna in 1 girone infernale della Divina Commedia o metter su 1 disco di john denver,noioso sì,ma meno dannoso x la mia salute mentale in quel preciso momento.

Il nastro continuava a girare (sarà stata una C-90) e partì l’ultimo brano: rintocchi di piano,infrangersi di vetri,skitarrate pure quelle suonate sul vetro,1 intro angosciante,poi il riff (quasi alla BLACK SABBATH) accompagnato ancora da 1 piano (suonato 1 po’ accazzo),ritmo tribale e la recitazione di MR:MURPHY,sempre + demoniaca. 1 crescendo ke arriva a strapparti i “NERVES” dal corpo,li fa a pezzettini e poi te li riinfila dentro alla rinfusa.

Fu lì ke vidi avvicinarsi 3 ragazzi dal sentiero: strano,sembravano vestiti identici a noi,1 aveva i capelli lunghi come Ugo,l’altro era + piccolino,come Tonio e poi l’altro…Kazzo,l’altro ero proprio io! Ero uscito dal mio corpo o ero solo in trip?! Ma vaffanculo,ero solo in trip. “NERVESLIKENYLON,NERVESLIKESTEEL,NERVES

 

5 Condivisioni

1 Comment

  1. Bob Accio
    13 febbraio 2018
    Rispondi

    È certo un duscone che ancor oggi non esaurisce il suo fascino, come i concerti del buon Murphy. I ‘meccaloni’ e il passaggio su Denver mi sono ultrapiaciuti. 🎃

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.