Salif Keita, il grande e famoso musicista del Mali.


Salif Keïta è nato a Djoliba nel 1949, è un cantante e musicista del Mali.

BIOGRAFIA

Salif Keïta è un discendente diretto del fondatore dell’impero del Mali, Sundiata Keita. Lui soffre di albinismo. Dopo la laurea, sogna di diventare un insegnante, ma viene resettato a causa della sua debole vista. Ha deciso di diventare un cantante che creerà uno scandalo nella sua famiglia. Tradizionalmente, la musica è riservata alla casta dei griot, e i Keita sono una famiglia di principato.

Lui viene rifiutato dalla sua famiglia e parte per Bamako nel 1968. Si è unito al gruppo del sassofonista Tidiani Koné, la “ferrovia Banda di Bamako”, che suona ogni sera in hotel a buffet della stazione a Bamako e ha ricevuto significativi successi con il suo repertorio è costituito da brani tradizionali interpretati in chiave moderna. Nel 1973, entra a far parte di un altro gruppo, “gli ambasciatori” che interpreta primo motel a Bamako, poi si trasferisce a Abidjan, Costa d’Avorio. Nel 1978, registra il suo primo album Mandjou in cui rende omaggio al Presidente della Guinea Ahmed Sékou Touré e il popolo Mandingue.

Nel 1980, ha registrato negli Stati Uniti due dischi: Primpin e Tounkan. Nel 1984, ha lasciato per tornare a Abidjan, poi Bamako per trovare la sua famiglia, tra cui il padre di invecciato. Ha partecipato quest’anno al festival di musica Métis di Angoulême (Francia). Salif Keita incontra un successo con il pubblico francese, e solo stabilirsi in Francia, a Montreuil, dove lui organizza molti festival tradizionali per la comunità maliana immigrata. L’anno successivo ha partecipato, su richiesta di Manu Dibango, alla registrazione di un album collettivo Tam Tam per l’Africa a beneficio l’Etiopia dove c’è carestia. Nel 1986 ha inciso l’album, Soro, blues-rock cantato in Malinke.

Questo album registrato sotto la guida del produttore senegalese Ibrahima Sylla con il label Syllart sarà rivoluzionario e porterà Salif Keita come una star internazionale. Ha poi partecipato al festival Francofolies di La Rochelle nel 1987, e un concerto a Londra per il 70 ° anniversario di Nelson Mandela, in particolare accanto al senegalese Youssou N’Dour. Ha pubblicato il suo secondo album nel 1989, in Francia, Ko-Yan attraverso la canzone Nous pas bougé, Salif affonta temi che gli immigrati maliani incontrano in Francia. Amen suo terzo album è stato rilasciato nel giugno 1991.

Il 12 dicembre 2004 a Johannesburg (Sud Africa), è premiato a Kora Awards per la sua carriera. Alla cerimonia dei Grammy 2010 a marzo 2010, ha vinto una vittoria nella sezione “album mondo musicale dell’anno”. Salif Keita è il padre adottivo dell’atleta francese specialista di 400m, Nantenin Keita . Colpita di albinismo e malvedente. Lei è doppio campione del mondo nel 2006 e nel 2015 e due volte campione paralimpico nel 2008 e il 2016.

IMPEGNO POLITICO E CITTADINO

Salif Keïta si candida alle elezioni parlamentari del Mali nel 2007. Arriva ‘al terzo posto sotto la bandiera del Movimento Patriottico per il Rinnovamento, il blocco per l’integrazione e la democrazia africana e cittadino del Partito per il Rinnovamento nel distretto di Kati . Attualmente sta conducendo una campagna nella PCR. Il 19 luglio 2010, Salif Keïta è stato nominato Ambasciatore di Pace di Jean Ping, presidente della commissione dell’Unione africana per sostenere “gli sforzi della Commissione per risolvere i conflitti e promuovere la pace nel continente.

DISCOGRAFIA

1987: SORO
1989: KO-YAN
1991 : AMEN
1994: INTEGRALE
1995 : FOLON
1997 : MANGO
1998 : SOSIE
1999 : PAPA
2002: MOFFOU
2005 : MBEMBA
2009 : LA DIFFERENCE
2012 : TALÉ

Condivisioni 6

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *