You Are Plural – Rabbit Rabbit

You Are Plural – Rabbit Rabbit

La formazione nordamericana inanella otto tracce per poco piú di trentacinque minuti, esplorando territori sonori crepuscolari caratterizzati da una dolce malinconia di sottofondo impressa dal cantato etereo di Jen Grady. Facendo fruttare al massimo la strana accoppiata organo Wurlitzer e violoncello, il trio a stelle e strisce stabilizza le traiettorie musicali con l’aggiunta delle percussioni, vera novitá rispetto alle uscite precedenti. Tra gli episodi migliori merita un posto di rilievo l’omonima traccia che dá il titolo all’album, una soleggiata camminata tra i meandri dell’indie-pop.
Fragile quanto basta senza mai risultare troppo zuccherino, Rabbit Rabbit è una piacevole collezione di toni autunnali da accompagnare con un corposo vino rosso nel corso delle vostre serate più introverse.

Tracklist:
1.The Best is Yet to Come
2.Rabbit Rabbit
3.If You Know Me
4.Cut Along the Line
5.The River is Forming Skin
6.Undefined
7.We Are Cold Inside
8.For Years

Line-ip:
Jen Grady
Ephriam Nagler
Chad Austinson

YOU ARE PLURAL – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Grandiosa Muerte – Egregor

Dietro al nome Grandiosa Muerte c’è un uomo solo saldamente al comando, il suo nome è Max Gutiérrez Sánchez, già fondatore di altri tre gruppi : Ravensouls, December’s Cold Winter, e Advent Of Bedlam. Max ha conosciuto l’abbraccio mortale del metal quando abitava in Spagna ed è lì che ha contribuito a fondare i suoi primi gruppi.

Märvel – Double Decade

Grandissimo ritorno degli svedesi Märvel uno di gruppi di hard rock scandinavi più longevi ed apprezzati, e il perché del loro successo è racchiuso in questa doppia raccolta celebrativa.

Tigre - Contro Tigre

Tigre – Contro Tigre

Ad aggiungersi alla prestigiosa lista dei portabandiera di un qualcosa che è molto di più di un genere musicale ci pensano i Tigre che, con i quattro pezzi di questo mini, segnano il loro primo rumoroso vagito.