Urin – Afekt 7″

Urin – Afekt 7″

Urin, un nome che suggerisce una risata; risata smontata all’ascolto con un montante alla mandibola. Punto.

Combo polacco di stanza a Berlino con un solo obiettivo: disastro sonoro!

Dai tempi della prima cassettina autoprodotta, gli Urin si son fatti latori di quel verbo che vuole il punk hardcore come materia disgregante del suono:

da un lato attacca, dall’altra pare incrinarsi man mano che si va avanti con l’ascolto, fino a rompersi, deflagrarsi.

Come un essere umano in preda al mal caduco, gli Urin si dimenano in una danza disordinata, bestiale mentre vanno in mille pezzi schiumando dalla bocca.

4 Pezzi suonati con strumenti creati dall’essere umano ma che, con l’essere umano, sembrano voler non avere più niente a che fare: tra affondi di hardcore disordinato, che pare indicare le sue radici nel nostro hardcore anni ’80 (i Wretched, i Declino, gli Eu’s Arse, le atmosfere ipnotiche che diventano confusione pura dei mai abbastanza celebrati Soglia del Dolore) fino alla Drone più arrogante e sfrontata dei Wolf Eyes di “A Burned Mind”, gli Urin alzano l’asta dell’estremismo nel punk.

Ovviamente la scelta estetica prescelta è quella Lo-Fi che altro non fa se non impreziosire le scelte sonore del gruppo: rumore, fruscio, distorsione, bassa risoluzione;

i 5 sensi, confusi, si predispongono a una diversa percezione dell’esistente. Il sesto, che è anche il più antipatico per conto mio, qui va letteralmente a farsi fottere:

non si può prevedere nulla quando si è persi nel caos più totale e, per inciso, la mancanza di certezze, di appigli concreti, è solo un bene (soprattutto di questi tempi in cui il termine “normalità” assume sempre più dei tratti deleteri).

Curioso come il Lo-Fi sia da sempre, dai bluesmen del delta, passando dai VU e dai primi Suicide e arrivando a questi Urin, una scelta decisamente anti-establishment:

la grande industria discografica non è mai riuscita a concepirlo se non a posteriori e, quindi, quando ormai, come nel caso dei VU, si è storicizzato.

Una raccomandazione: ad un primo ascolto si potrebbe anche dire “si, ma i pezzi son tutti uguali” Grosso errore: ascoltate e riascoltate questi 4 pezzi, immergetevi in loro così che essi possano immergersi in voi e scovare il vostro lato più caotico; permettetegli di tirarlo fuori, dargli una voce.

Sarà un’esperienza che, in un primo momento, potrebbe anche risultare sfiancante ma che, sul lungo periodo, potrebbe aiutarvi a conoscervi meglio.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.