Universal Daughters – Why Hast Thou Forsaken Me ?

Universal Daughters – Why Hast Thou Forsaken Me ?

Una squadra di fuoriclasse per dare più proventi possibile alla Città della Speranza www.cittadellasperanza.org , un’associazione che segue bimbi gravemente ammalati. Il disco è una raccolta di brani tipici americani ed inglesi, partendo dagli anni venti per arrivare al country, al soul o al blues. Il risultato è davvero ottimo, uno spaziare in generi musicali diversi, che hanno come minimo comune denominatore la tradizione anglosassone. Gli interpreti sono eccezionali, da Chris Robinson dei Black Crowes, a Jarvis Cocker, ad Alan Vega dei Suicide, e tantissimi altri. Una grandissima idea per un nobile scopo, e sicuramente un disco raffinato e notevole. Penso che non avrete più l’occasione di vedere questa parata di stelle tutte insieme, per cui non lasciatevela sfuggire.

Tracklist:
01. I Am Born To Preach The Gospel feat. Chris Robinson
02. First Of May feat. Jarvis Cocker
03. It’s Your Voodoo Working feat. Mick Collins
04. I Hear Voices feat. Alan Vega
05. Hong Kong Blues feat. Baby Dee
06. Cheree feat. Mark Arm
07. Midnight, The Stars And You feat. Lisa Germano
08. Is That All There Is? feat. Stan Ridgway
09. The Clock feat. Swamp Dogg
10. Psycho feat. Steve Wynn
11. For The Last Time We’ll Pray
12. Kangaroo feat. Gavin Friday
13. Mother feat. Verdena

Universal Daughters

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati