Trophy Scars – Holy Vacants

Questo quarto album dei Trophy Scars, invece di rivelare stanchezza compositiva o mostrare una band che comincia a perdere colpi, si mantiene fresco e corposo, distruggendo completamente le aspettative negative che avevo al riguardo.

Trophy Scars – Holy Vacants

Gli statunitensi Trophy Scars (Jerry Jones, John Ferrara, Brian Ferrara, Andy Farrell, Gray Reinhard) ritornano, a tre anni di distanza dal loro ultimo ep, con il loro quarto disco lungo, Holy Vacants. Il nuovo album, pubblicato per l’inglese Monotreme Records, si compone di dodici brani che affrontano, allo stesso tempo, tematiche legate alla mitologia/antiche religioni e all’innamorarsi di qualcuno che ti distrugge letteralmente.

Il lavoro, aperto dal delicato crescere di chitarre di Extant, parte con il piglio deciso ed esplosivo della calda e sofferta Qeres (voce graffiata, cori ad aumentare lo spessore, strumenti intrecciati tra loro con sapienza) e con il blues elaborato e solare di Archangel. Crystallophobia, pur prendendo forma da un basso tellurico, si alza in cielo e inonda con la sua forza emotiva al sapore di hard rock, mentre Burning Mirror, tesa e scura come un brano dei Marilyn Manson (anche se più complicata), lascia che a proseguire siano il fangoso incollarsi dell’accattivante Hagiophobia e le influenze à la Mars Volta di Chicago Typewriter (che sfora nell’energico concludere di Vertigo). Il cuore sofferente e piacevolmente tragico di Gutted, infine, contrapponendosi al più solare ed esplosivo coinvolgere della trascinante Every City, Vacant, cede spazio al sognante muoversi di Everything Disappearing e al breve chiudere dell’acustica Nyctophobia.

Questo quarto album dei Trophy Scars, invece di rivelare stanchezza compositiva o mostrare una band che comincia a perdere colpi, si mantiene fresco e corposo, distruggendo completamente le aspettative negative che avevo al riguardo. I dodici pezzi proposti, infatti, decisamente curati per quanto riguarda componente melodica, ricerca sonora (abbiamo di fronte un blues/hard rock piuttosto elaborato), cura degli arrangiamenti e concept di fondo, mostrano ognuno una propria personalità, impedendo che si cada nella ripetitività o nel banale. La band del New Jersey non ha minimamente perso lo smalto, sappiatelo.

Tracklist:
01. Extant
02. Qeres
03. Archangel
04. Crystallophobia
05. Burning Mirror
06. Hagiophobia
07. Chicago Typewriter
08. Vertigo
09. Gutted
10. Every City, Vacant
11. Everything Disappearing
12. Nyctophobia

Line-up:
Jerry Jones
John Ferrara
Brian Ferrara
Andy Farrell
Gray Reinhard

TROPHY SCARS – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Death Mantra For Lazarus – DMFL

Sussurri musicali dettati da una grande tecnica musicale accompagnata da una capacità compositiva superiore, per un lavoro tutto da ascoltare, scoprire ed amare, per chi ama immergersi nella dolce tempesta dei Death Mantra For Lazarus.

AA VV – BOMB YOUR BRAIN Vol. 2

Secondo capitolo per la compilation “Bomb Your Brain“, ancora una volta concepita e pubblicata, sempre in cinquecento copie, dalla piccola e coraggiosa etichetta indipendente francese Pigmé Records. Stessa formula del primo volume, una succosa e urticante raccolta (a questo giro con la didascalia che recita:

THE FUZZTONES live a POGGIBONSI (Si)

THE FUZZTONES live: Sul palco i Fuzztones, gruppo storico garage rock statunitense, il cui nome è stato ispirato dall’effetto di distorsione fuzz tone appunto, inventato nel 1962 e che sentiamo sempre in Satisfaction dei Rolling Stones.

South Sardinian Scum - Switch the Driver

South Sardinian Scum – Switch the Driver

I South Sardinian Scum non si inventano un cazzo, e neanche vogliono farlo, si limitano a suonare ciò che gli piace e lo fanno con la voluttà di chi sta compiendo una missione per conto di un dio minore e perdente, se non vi basta fatevi un bell’ aperitivo in un bar fighetto con della tech house di sottofondo sperando che il cocktail di merda che vi sarà servito vi vada per traverso.