Thulium – Sixty Nine

Band multinazionale composta da uno spagnolo, un inglese, un brasiliano, un sudafricano e un francese, e che non poteva che essere di stanza a Londra.

Thulium – Sixty Nine

Sixty Nine è il loro debutto, un’interessante proposta di rock con spruzzate heavy molto epico e che un tempo molto probabilmente si sarebbe definito Aor. I Thulium fanno rock, di un tipo originale e passionale, molto tecnico e compositivamente ricercato. Certamente dovrete aspettare un pò per l’uscita, prevista nel febbraio 2014, ma il tempo passa in fretta se si è in attesa di buona musica. Si potrebbe pensare che questo genere di rock sia in disuso, ma molte band sparse per il mondo abbracciano questo credo fatto di passione, ma anche di molta tecnica e controllo. I Thulium sono certamente il lato soft del rock, ma anche un lato molto elegante e piacevole. Cosa ancora piĂą interessante il gruppo pubblicherĂ  l’album grazie al crowdfunding. Quest’ultimo termine, in questi tempi, diventerĂ  molto in voga, poichĂ© la colletta fra i fans è forse uno degli ultimi modi per pubblicare qualcosa di artigianale ma allo stesso tempo di ambizioso. Ed è anche un modo per i fans di impegnarsi a dare qualcosa per far nascere qualcosa a cui tengono. E pagare per far uscire un disco Aor non ha prezzo.

Tracklist:
1 Tomorrow comes today
2 For real
3 Lifemare
4 From cool to cold
5 Love dynamite
6 Your majesty
7 Blood sweat and tears
8 Watch me leave
9 Who i am
10 Marvelman
11 Shape of things to come

Line-up:
Boubou – Vocals
Roberto – Lead Guitar
Leon – Rhythm Guitar & Backing Vocals
Jock – Bass
Rob – Drums & Backing Vocals

THULIUM – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
1 Comment

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

ZAKO – I

Durante una trasferta in Toscana per motivi familiari, per chi vi scrive si è presentata una splendida opportunitĂ : quella di vedere in azione, per la prima volta dal vivo, i leggendari Fuzztones in concerto a un’oretta d’auto di distanza da dove (temporaneamente) alloggiava. Colto l’attimo,

THEE HEADCOATS – IRREGULARIS (THE GREAT HIATUS)

Neanche il tempo di recensire l’album-raccolta “Failure not success” (pubblicato col moniker Wild Billy Childish & CTMF) che arriva subito un altro Lp, nel 2023, firmato dallo stacanovista inglese Billy Childish, poliedrico menestrello di culto, che per questa release ha riesumato gli Headcoats, che tornano

I miserabili di Ladj Ly

I miserabili di Ladj Ly

Dedicato a chi è d’accordo con la frase di Hugo che chiude la pellicola: “Amici miei, tenete a mente questo: non ci sono né cattive erbe né uomini cattivi. Ci sono solo cattivi coltivatori”.