The Vapids – Punitive Damage / Thin Skin

The Vapids – Punitive Damage / Thin Skin

Gli anni, si sa, passano per tutti, fatalmente ci invecchiano, fanno sì che sui nostri visi facciano capolino le rughe e,spesso, imborghesiscono le nostre abitudini.

Se a ciò si aggiunge una latitanza lunga ben sei anni beh c’è di che preoccuparsi seriamente.
Voi cosa vi aspettereste da un amico che non vedete da così tanto tempo?
Sì, ok, stiamo parlando di qualcuno che ha attorno a sé un’aura di miticità, ma come avrà agito il tempo sulle sue abitudini?
Mettiamo, butta caso, che stiamo parlando di una punk-band e che questa punk-band venga dal Canada e si chiami Vapids (eccolo l’alone di miticità di cui si parlava poc’anzi) voi miei cari lettori cosa vi aspettereste?
Che mi dite? Una bomba di singolo?
Troppo facile, d’altronde la domanda era troppo banale e la risposta davvero semplice.
Qui si tratta di tre pezzi davvero esplosivi, si inizia con Punitive Damage che mischia il punk newyorkese dei Dead Boys con la furia del sound settantasettino, segue la (leggermente) più melodica Thin Skin la cui fonte d’ispirazione sono gli immensi Ramones.
Il lato B è occupato da una sola canzone senza titolo che, a mio parere, bazzica più territori inglesi che non americani, ma forse si tratta solo di una mia impressione, resta il fatto che, anche in questo caso, stiamo parlando di un grande pezzo.
Questo, signore e signori, è puro punk-rock, un suono senza tempo che se ne strafrega dello scorrere degli anni e che suonerà sempre fresco anche nei secoli a venire.
A proposito lo sapete qual’è stata l’ultima etichetta che ha fatto uscire qualcosa dei Vapids?

THE VAPIDS – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati