the lawrence arms-the greatest story ever told

Pubblicato il

Scritto da

La piu’ grande storia mai raccontata, cosi’ si intitola l’ultima fatica dei Lawrence Arms terzetto di Chicago, ingaggiato dalla Fat Wreck Chords, fautore di un incisivo ed emozionale HC melodico che decisamente si discosta dai canoni ) dei gruppi dell’etichetta di Fat Mike. I tredici capitoli in cui si snoda l’album denotano la natura del gruppo in bilico tra aggressivita’ e tempi serrati, sempre tipici del punk di matrice west-coast e frequenti inserti melodici accostabili ad un certo indie-rock di inizio anni 90. Il CD scorre liscio sul lettore grazie ad un’ efficace e mai sopra le righe produzione, mentre i “nostri” tra le varie canzoni sono bravi a farci respirare l’atmosfera delle loro radici, cioe’ il mid-west americano, grazie ad una buona tecnica, perizia e precisione d’esecuzione dei brani. Menzione partciolare merita l’intreccio delle due voci, una piu’ roca e skizzata(!) per i pezzi piu’ serrati e l’altra impiegata per i passaggi piu’ melodici e riflessivi, riuscendo in pieno nell’ effetto di amalgamare le due diverse anime di questi Lawrence Arms. Da ascoltare!!

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

the lawrence arms-the greatest story ever told

Pubblicato il

Scritto da

La piu’ grande storia mai raccontata, cosi’ si intitola l’ultima fatica dei Lawrence Arms terzetto di Chicago, ingaggiato dalla Fat Wreck Chords, fautore di un incisivo ed emozionale HC melodico che decisamente si discosta dai canoni ) dei gruppi dell’etichetta di Fat Mike. I tredici capitoli in cui si snoda l’album denotano la natura del gruppo in bilico tra aggressivita’ e tempi serrati, sempre tipici del punk di matrice west-coast e frequenti inserti melodici accostabili ad un certo indie-rock di inizio anni 90. Il CD scorre liscio sul lettore grazie ad un’ efficace e mai sopra le righe produzione, mentre i “nostri” tra le varie canzoni sono bravi a farci respirare l’atmosfera delle loro radici, cioe’ il mid-west americano, grazie ad una buona tecnica, perizia e precisione d’esecuzione dei brani. Menzione partciolare merita l’intreccio delle due voci, una piu’ roca e skizzata(!) per i pezzi piu’ serrati e l’altra impiegata per i passaggi piu’ melodici e riflessivi, riuscendo in pieno nell’ effetto di amalgamare le due diverse anime di questi Lawrence Arms. Da ascoltare!!

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.