The Giant Undertow – The Weak

The Giant Undertow – The Weak

Gli otto brani proposti, ben strutturati, costruiti e ideati, partono da mille influenze diverse, ma dimostrano di avere carattere e personalità

Lorenzo Mazzilli, musicista veneto trapiantato a Bologna, debutta, dopo una manciata di demo e un paio di tour europei come bassista di Daniel Payne, con gli otto brani di The Weak. Il lavoro, coprodotto da In The Bottle Records, Shyrec, Indipendead, Pope V Records e dalla canadese Death Roots Syndicate, mescola con sapienza desert folk, americana e alt-country.

Il pacato procedere di basso, chitarra e batteria di Lone, solitario, sudato e pensieroso, lascia che a seguire siano le vivaci e coinvolgenti accelerazioni dell’assolata e calda The Battle Of Wine, mentre Captivity Waltz, partendo da una introduzione vagamente sbilenca, ondeggia dolcemente con il suo rilassato animo country/folk.
La pacifica In The Trees, invece, guidata da corno francese, chitarra e percussioni, apre al crescere e svilupparsi, sempre più arioso, di Murder Cue, cedendo il compito di proseguire allo spirito riflessivo e lievemente sofferto di Palpah.
Where Is My Bedroom?, infine, cadenzata e ridotta all’osso (quasi esclusivamente voce e chitarra,), introduce il corposo aprirsi e scaldare della conclusiva Dance In A Bone.

Con questo progetto solista a nome The Giant Undertow, Lorenzo Mazzilli risulta convincente fin dal primo ascolto. Gli otto brani proposti, ben strutturati, costruiti e ideati, partono da mille influenze diverse, ma dimostrano di avere carattere e personalità. Un debutto più che valido.

TRACKLIST
01. Lone
02. The Battle of Wine
03. Captivity Waltz
04. In The Trees
05. Murder Cue
06. Palpah
07. Where Is My Bedroom?
08. Dance In A Bone

LINE-UP
Lorenzo Mazzilli
Francesco Mazzi
Emanuele Zaniboni
Matteo Dell’Aglio
Mario Zambrini
Roberta Palazzini

THE GIANT UNDERTOW – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.