iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : The Ethel Floon – The Ethel Floon

C'è vita e anche piuttosto interessante nel rock italiano!

The Ethel Floon – The Ethel Floon

Se Freddie Koratella (alias Fabrizio Vignali) chiama il Santo (alias Luca Calcagno) risponde!

Ed è una cosa doverosa perché il mio (nostro) amico boss della Dead Music è solito segnalare gruppi o one-man-band ottimi da ascoltare e più che meritori di una recensione. Non fanno eccezione questi Ethel Floon, giovane quartetto aretino la cui proposta è molto stimolante in quanto variegata e, a tratti, spiazzante. Io, dal canto mio, posso aggiungere cosa ho trovato di veramente stimolante in questo mini-album e lo farò citandovi i miei quattro pezzi preferiti tra i sette che troverete facendo vostro questo dischetto. Il primo è Chug Life Blues che come detto nel titolo è un blues ma lo è in quel modo obliquo nel quale lo sapevano, e lo sanno fare tuttora, quei geniacci degli Stepleejack, vengono poi Better Bidder e Country Moan che mi hanno ricordato la stravaganza e la genialità dei Violent Femmes e per concludere A Preacher Out Of Time che è un rock’n’roll strascicato come quelli che sono soliti suonare Tav Falco e i suoi Panther Burns. A quanto pare il nostro buon Freddie,che nella sua instancabile attività è pure organizzatore di concerti, ha intenzione di farli esibire nella sua città, nonché capitale della nostra repubblica, Roma. Sono certo che il pubblico più ricettivo e dalla più larghe vedute saprà apprezzare questo gruppo quanto lo apprezzo io e chi me lo ha cortesemente segnalato.

TRACKLIST
1) Special Cat
2) Chug life blues
3) Better Bidder
4) Country moan
5) A Preacher Out Of Time
6) Shotgun
7) I’m Leaving

• LINE-UP
Geremia Fabbriciani
Matteo Bolgi
Francesco Torzoni
Giacomo Pappini

THE ETHEL FLOON – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

The Loons - Memories Have Faces

The Loons – Memories Have Faces

Troppa grazia, Sant’Antonio! Eh già! Per un devoto cultore dei suoni sixties oriented, avere la fortuna, nel giro di pochi giorni, di poter parlare di un nuovo singolo e di un nuovo intero album di sua maestà Mike Stax è davvero una benevolenza tanto inaspettata,