the crimson ghosts-leaving the tomb

Pubblicato il

Scritto da

immaginario horror per questi quattro tedeschi da assalto, propugnatori di un ottimo punk alla Misfits, ai quali apertamente si ispirano, e ai quali aprono talvolta i concerti.Vlad, Reverend , Monstrosity e Jackal sono alla prima uscita,e naturalmente lo fanno su Fiendforce records, casa dei migliori gruppi horrorpunk . Si comincia con “Leaning the tomb”, breve pezzo ,dove i lupi mannari accompagnano il tremendo risveglio dalla tomba dei nostri eroi. Si avanti con “Reborn of the tiroxine”, dove si sente tutto il debito che hanno nei confronti dei Misfits, ma comunque sono un ensemble originale, molto potente e calibrato, il pezzo successivo è in pratica il singolo dell’album “When they howl”, perfetto manifesto di cosa sono i Crimson Ghosts, e tra l’altro gran pezzo come da tempo non mi riusciva di sentire. Autobiografia nella traccia successiva, dove finalmente svelano da dove arrivano i Crimson Ghosts…”Sons of the zodiac”…sempre ottimo horrorpunk.Si arriva poi al’affermazione di una verità che abbiamo sempre conosciuto, e che cioè il buonanima Ronny Reagan era posseduto da qualche strana entità demoniaca…”Reagan is possessed”. Andiamo poi al cospetto di un altro monarca pazzo “The king of skull –island”, la velocità è sempre ottima, e non ci si annoia mai nell’isola dei teschi. Arriva “Deaìth from above”, e i cori con il dito puntato al cielo si sprecano…”Until you awake” è un pezzo di gran melodia, dove capiamo l’importanza del cantante Vlad, che mantiene la voce bevendo sangue di allegre vergini.. Ma la morte incombe e arriva al ritmo incalzante di “The dead rise”. Potente introduzione e gruppo che va a mille con “Pre-mortem ecstasy”, dove su uniscono melodia e velocità.C’è anche l’episodio tenero e amoroso …peccato che l’oggetto di questo amore sia una ragazza morta già da un bel pezzo, una delle tracce più valide del cd, “Necrobabe”. Ma non c’è spazio per l’amore quando arriva “The army of cenobites” e i Crimson Ghosts pestano sempre più forte. “At night” arriva quando meno te lo aspetti, e non saprete mai in tempo cosa si stava movendo nelle tenebre dietro di voi…”Hunted” è un possibile anthem da concerto, molto divertente. Si finisce con una storia maledetta “Tale of a haunted wood”, episodio notevole di un già notevole dischetto.Gran esordio, noi non-morti aspettavamo da tempo un’opera del genere. Lasciate le vostre tombe e resuscitate al ritmo dei grandi Crimson Ghosts, e non basterà una croe a fermarli…

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.