The Bellrays – Punk Funk Rock Soul Volume 2

Una band da vedere assolutamente dal vivo e da seguire su disco

The Bellrays – Punk Funk Rock Soul Volume 2

Parlando dei Bellrays è indispensabile fare una premessa vale a dire che per godere appieno della loro travolgente proposta è necessario vederli dal vivo.

Certamente chi ha avuto la fortuna di assistere ad un loro concerto non potrà che essere d’accordo con me, perché è in quella dimensione che la band dà il meglio di sé travolgendo gli ascoltatori con un suono alla MC5 con alla voce una ieratica Aretha Franklin o, ancor meglio, Betty Davis. Tale impetuosa energia è assolutamente impossibile da convogliare in un disco registrato in studio, ciò nonostante gli album della band californiana sono da sempre prodotti al di sopra della media. Non fa eccezione questo Punk Funk Rock Soul volume 2 che segue a breve distanza l’ep di quattro canzoni intitolato ovviamente volume 1.

Due sono i pezzi che ben sintetizzano la formula alla quale ho accennato poche righe orsono ovvero l’iniziale Bad Reaction e sopratutto Man Enough il mio pezzo preferito fra quelli presenti in scaletta. Il disco gode comunque di altri brani altrettanto interessanti come la (quasi) pop I Can’t Hide, il robusto soul/punk di Never Let A Woman, il blues caldo vizioso e coinvolgente di Every Change I Get e la ballata conclusiva Love And Hard Times nella quale le qualità vocali di Lisa emergono in forma eclatante.

Il vinile color viola completa un’operazione alla quale ogni buon fan della band certo non vorrà rinunciare. Per chi invece si accostasse per la prima volta ai nostri il consiglio è quello di recuperare, oltre a questo disco, le vecchie e graffianti proposte di un gruppo che merita ogni attenzione ed ovviamente la calda raccomandazione di non perderli dal vivo.

ETICHETTA: U&Media Records

TRACKLIST
1) Bad Reaction,
2)I Can’t Hide,
3) Man Enough,
4) Perfect,
5) Brand New Day,
6) Junior High,
7) Never Let A Woman,
8) Every Chance I Get,
9) Now,
10) Love And Hard Times

LINE-UP
Lisa Kekaula – Lead and backing Vocals,
Bob Vennum – Guitar, bass & voclas,
Craig Waters – Drums, vocals,
Justin Andres – Bass & vocals,
Paolo Perez – Bass

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
2 Comments
  • Bob Accio
    Posted at 11:46h, 23 Maggio Rispondi

    Li ho visti dal vivo qualche lustro fa, addirittura ho la sensazione di averli visti anche di recente ma invero non ne sarei sicuro, sarà l’effetto sballogeno che hanno avuto su di me i Bellrays la prima volta che li ho sentiti live: poca gente intervenne alla serata e loro, o lei, la singer, si fece/fecero aspettare un botto di tempo prima di entrare in scena, sicuro per aspettare i ritardatari, ma che diva sexyssima Lisa Kekaula, debordante in tutto ; infatti la Kekaula la cantanteera contrariata di fronte a cotanta esiguità, però quelli che c’erano hanno ben viva nella memoria la potenza che ha descritto IL SANTO, addirittura appena dopo di loro show Roma fu colpita da diluvio universale, 🙁 qualcuno ci lasciò tristemente le penne), per cui non facciamo incazzare questi DèI del PunkRock’n’Soul and let’s suck their sap under the stage !!! (Y)

    • admin
      Posted at 11:57h, 23 Maggio Rispondi

      grandissimo gruppo ! e poi piace anche ad Alabarda!!

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Banchetto cuore delle bands

Oggi vi voglio parlare di una argomento che a me sta particolarmente a cuore facendo parte di quelli che la musica anche la fanno ( ci proviamo se non altro) .

Alberica Sveva Simeone – The wormcave

Primo romanzo della scrittrice romana Alberica Sveva Simeone per le edizioni Plutonia Publications dello scrittore e ottimo divulgatore del fantastico con il suo podcast Plutonia Publications.

“Riflessioni sulla pena di morte” di Albert Camus, edito da SE

Riflessioni sulla pena di morte di Albert Camus

“Réflexions sur la guillotine” è un saggio del ’57 di Camus che appare prima sulla “Nouvelle Revue Francaise” e poi nel libro “Réflexions sur la peine capitale”